Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il calcio unisce il Belgio diviso

Immagine di copertina

La nazionale belga in Brasile sta stupendo il mondo. E soprattutto sta unendo il suo popolo in patria

Il calcio arriva dove non arriva la politica. In Belgio non c’è un governo stabile, e quello precedente ha impiegato due anni per insediarsi. A questo, si aggiunga l’eterno scontro tra fiamminghi e valloni, che fa di questa nazione una tra le più divise d’Europa.

Il popolo belga sta conoscendo, però, un momento di unione proprio durante questi mondiali in Brasile, in cui la nazionale dei Diavoli Rossi è imbattuta, e vede concretamente la possibilità di arrivare in fondo.

Il merito è di Marc Wilmots, commissario tecnico che ha saputo risollevare il calcio in Belgio dopo quasi un decennio di buio assoluto. La sua prima mossa non è stata né tattica né tecnica: Wilmots ha fatto sedere tutti i calciatori a mangiare allo stesso tavolo, quando prima erano divisi in fiamminghi, valloni e staff.

Un’unione che sta dando i suoi risultati sul campo (Belgio imbattuto e vincitore del proprio girone a punteggio pieno), ma anche in patria.

Nelle città sono sempre di più i tifosi fiamminghi e valloni mischiati nei bar o negli stadi a seguire e sostenere insieme la squadra durante le partite, uniti dai colori della bandiera. Sembra proprio che i successi della nazionale, e soprattutto la grande prospettiva che è offerta dai giovani campioncini belga, stiano arrivando a ciò che la politica non ha mai raggiunto.

Anche la vicina Germania conobbe l’unione del suo popolo grazie alla vittoria dei mondiali del 1990, proprio durante la transizione post muro di Berlino.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Ciao, ho 30 anni e sono il problema
Esteri / Hamas: "La guerra non è l'ultimo round contro Israele". Anera riprende le attività a Gaza
Esteri / Vaccini, l’Europarlamento boccia la proposta di creare il “Cern della Salute” per tutelare l’interesse pubblico
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ciao, ho 30 anni e sono il problema
Esteri / Hamas: "La guerra non è l'ultimo round contro Israele". Anera riprende le attività a Gaza
Esteri / Vaccini, l’Europarlamento boccia la proposta di creare il “Cern della Salute” per tutelare l’interesse pubblico
Esteri / È morto O. J. Simpson, l'ex campione di football americano aveva 76 anni
Esteri / Di chi è il Medio Oriente? I limiti di Washington e il campo minato delle grandi potenze mondiali (di G. Gambino)
Esteri / Fonti intelligence: “Imminente l'attacco dell’Iran”. Biden assicura: “Proteggeremo Israele”. Wall Street Journal: “Si teme gran parte degli ostaggi a Gaza siano morti”
Esteri / Biden: “La politica di Netanyahu su Gaza è un errore. Israele accetti tregua unilaterale di sei-otto settimane". Cnn: "Hamas ha detto che non riesce a rintracciare 40 ostaggi per l’accordo”
Esteri / Clima, la CEDU condanna la Svizzera
Esteri / Isis minaccia attentati negli stadi durante i quarti di finale di Champions League
Esteri / Gaza: i morti salgono a 33.360, quasi 76mila i feriti. Scoppia la guerra commerciale tra Ankara e Tel Aviv. Borrell: "Non esiste una soluzione militare". Iran, la Marina Pasdaran: "La presenza di Israele negli Emirati Arabi è una minaccia"