Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

I tre “epic fail” di Albert Einstein prima di diventare Albert Einstein

Immagine di copertina

Le difficoltà nel trovare lavoro e le pressioni della famiglia. Non fu tutto facile per il celebre fisico che rivoluzionò il mondo della scienza

Il 14 marzo del 1879 nasceva a Ulma in Germania, il fisico Albert Einstein. Nel 1921 lo scienziato ricevette il premio Nobel per la fisica e negli anni precedenti pubblicò alcune teorie fisiche e meccaniche tra le più importanti della storia.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Anche se di un genio si ricordano solamente gli allori, non fu sempre tutto facile per il noto pensatore, che scomparve a Princeton nell’aprile del 1955. La mente brillante ebbe non poche difficoltà ad affermarsi come studioso rivoluzionario, e prima ancora come insegnante di matematica e fisica.

Durante il periodo dell’università non si distinse in nessun modo: né per temperamento né per voti eccelsi. Nel 1900 Albert Einstein era uno studente ventunenne del Politecnico di Zurigo. Secondo i professori era uno scansafatiche e fu l’unico dei diplomati dopo la laurea a non ottenere un posto come assistente professore.

E non fu l’unico “fallimento” di Albert Einstein prima di essere riconosciuto come genio dal mondo intero.

Il padre di Albert, Hermann Einstein, proprietario di una piccola azienda, cercò di trovare un posto per il figlio dopo il diploma scrivendo a un famoso professore dell’epoca per proporlo come suo assistente. Purtroppo non riuscì a fagli ottenere nessun ingaggio accademico e nel 1902 Hermann morì senza vedere Einstein sistemato in un posto coerente con il suo percorso di studi.

Per un periodo Albert fece un lavoro poco stimolante. Nel 1902, dopo aver fronteggiato una serie di difficoltà per trovare un impiego ed avere accarezzato l’ipotesi di interrompere la carriera scientifica per lavorare come venditore di assicurazioni sulla vita, si trasferisce a Berna dove comincia a lavorare presso l’ufficio brevetti svizzero. Sei giorni alla settimana Einstein esamina le richieste degli inventori più disparati in cerca di tutela da parte del governo svizzero.

Non si tratta di un lavoro intellettualmente impegnativo, ma secondo molti lasciò al fisico abbastanza tempo libero per dedicarsi alle sue teorie più rivoluzionare che furono pubblicate a partire dal 1905.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Clima, ondata di caldo in Pakistan: 26 milioni di bambini non potranno andare a scuola per una settimana
Esteri / Ilaria Salis è uscita di prigione: è ai domiciliari a Budapest
Esteri / Gaza, la Protezione civile: "26 morti, tra cui 15 minori, in due raid dell'Idf a Gaza City". Almeno 35.800 morti e più di 80mila feriti dal 7 ottobre. L'ospedale di Al-Aqsa sospenderà i servizi per mancanza di carburante. Domani la Corte de L'Aja si pronuncerà sulla richiesta di porre fine all'offensiva a Rafah. Intanto Tel Aviv schiera nuove truppe: "Nessuno ci fermerà". Scambi di colpi tra Israele e Hezbollah al confine con il Libano
Ti potrebbe interessare
Esteri / Clima, ondata di caldo in Pakistan: 26 milioni di bambini non potranno andare a scuola per una settimana
Esteri / Ilaria Salis è uscita di prigione: è ai domiciliari a Budapest
Esteri / Gaza, la Protezione civile: "26 morti, tra cui 15 minori, in due raid dell'Idf a Gaza City". Almeno 35.800 morti e più di 80mila feriti dal 7 ottobre. L'ospedale di Al-Aqsa sospenderà i servizi per mancanza di carburante. Domani la Corte de L'Aja si pronuncerà sulla richiesta di porre fine all'offensiva a Rafah. Intanto Tel Aviv schiera nuove truppe: "Nessuno ci fermerà". Scambi di colpi tra Israele e Hezbollah al confine con il Libano
Esteri / Usa: la polizia di Los Angeles e la DEA aprono un’indagine sulla morte di Matthew Perry
Esteri / Papa Francesco: “No alle donne diacono e non si possono benedire le unioni omosessuali”
Esteri / Gaza: oltre 35.700 morti e quasi 80mila feriti dal 7 ottobre. Nessun servizio sanitario a Gaza City e nel nord della Striscia. Idf schierano un’altra brigata a Rafah. Norvegia, Spagna e Irlanda riconosceranno lo Stato di Palestina. Israele convoca gli ambasciatori. Critiche dalla Casa bianca. La Francia: "Non è il momento". Netanyahu: "Sarebbe uno Stato terrorista"
Esteri / Migliaia di migranti abbandonati nel deserto con i fondi dell’Ue: una nuova inchiesta svela il coinvolgimento di Bruxelles
Esteri / Turbolenza sul volo Londra-Singapore: un morto e 54 feriti
Esteri / A Gaza oltre 35.600 morti dal 7 ottobre. Qatar: "I colloqui per la tregua sono in stallo". Gallant: "Non riconosciamo l'autorità della Corte penale internazionale". Sequestrate attrezzature tv nella sede di AP a Sderot: "Fornivano immagini ad al-Jazeera". Iran, le presidenziali si terranno il 28 giugno
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e tre leader di Hamas