Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:21
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

I tre “epic fail” di Albert Einstein prima di diventare Albert Einstein

Immagine di copertina

Le difficoltà nel trovare lavoro e le pressioni della famiglia. Non fu tutto facile per il celebre fisico che rivoluzionò il mondo della scienza

Il 14 marzo del 1879 nasceva a Ulma in Germania, il fisico Albert Einstein. Nel 1921 lo scienziato ricevette il premio Nobel per la fisica e negli anni precedenti pubblicò alcune teorie fisiche e meccaniche tra le più importanti della storia.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Anche se di un genio si ricordano solamente gli allori, non fu sempre tutto facile per il noto pensatore, che scomparve a Princeton nell’aprile del 1955. La mente brillante ebbe non poche difficoltà ad affermarsi come studioso rivoluzionario, e prima ancora come insegnante di matematica e fisica.

Durante il periodo dell’università non si distinse in nessun modo: né per temperamento né per voti eccelsi. Nel 1900 Albert Einstein era uno studente ventunenne del Politecnico di Zurigo. Secondo i professori era uno scansafatiche e fu l’unico dei diplomati dopo la laurea a non ottenere un posto come assistente professore.

E non fu l’unico “fallimento” di Albert Einstein prima di essere riconosciuto come genio dal mondo intero.

Il padre di Albert, Hermann Einstein, proprietario di una piccola azienda, cercò di trovare un posto per il figlio dopo il diploma scrivendo a un famoso professore dell’epoca per proporlo come suo assistente. Purtroppo non riuscì a fagli ottenere nessun ingaggio accademico e nel 1902 Hermann morì senza vedere Einstein sistemato in un posto coerente con il suo percorso di studi.

Per un periodo Albert fece un lavoro poco stimolante. Nel 1902, dopo aver fronteggiato una serie di difficoltà per trovare un impiego ed avere accarezzato l’ipotesi di interrompere la carriera scientifica per lavorare come venditore di assicurazioni sulla vita, si trasferisce a Berna dove comincia a lavorare presso l’ufficio brevetti svizzero. Sei giorni alla settimana Einstein esamina le richieste degli inventori più disparati in cerca di tutela da parte del governo svizzero.

Non si tratta di un lavoro intellettualmente impegnativo, ma secondo molti lasciò al fisico abbastanza tempo libero per dedicarsi alle sue teorie più rivoluzionare che furono pubblicate a partire dal 1905.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”