Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 10:41
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

I tragici numeri della carestia

Immagine di copertina

Un nuovo rapporto racconta la carestia che ha colpito la Somalia tra il 2010 e il 2012, la più grave degli ultimi 25 anni

Secondo uno studio pubblicato giovedì, la carestia che ha colpito la Somalia dal 2010 al 2012 è stata la più grave negli ultimi 25 anni, uccidendo 258 mila persone. Di questi ben 133 mila sono bambini di età inferiore ai cinque anni: più del 51 per cento delle vittime. Nella ricerca, finanziata in parte dalla Fao, si stima che la carestia è stata responsabile per la morte del 4,6 per cento della popolazione totale nelle regioni interessate, la Somalia meridionale e centrale. Addirittura il 10,1 per cento di tutti i bambini con meno di cinque anni di età sono deceduti a causa della siccità.

La carestia ha colpito tutto il Corno d’Africa ma ha avuto un impatto maggiore in Somalia, dove è stata riconosciuta per la prima volta nel luglio 2011. È stata la peggiore a colpire la regione negli ultimi 60 anni, uccidendo anche il bestiame e colpendo duramente l’economia della zona. Il precedente più recente paragonabile a questa tragedia è la carestia del 1992, quando persero la vita 220 mila persone nell’arco di un anno.

Tra il 2010 e il 2012 la già grave situazione climatica è stata peggiorata dalle azioni dei militanti al-Shabaab in conflitto con il governo: non a caso alcune delle aree maggiormente colpite dalla catastrofe umanitaria si trovavano sotto il controllo delle milizie islamiste.

A fine 2011, il calo dei prezzi delle materie prime e un autunno piovoso hanno favorito un raccolto eccezionale che ha portato le Nazioni Unite nel febbraio del 2012 a dichiarare la fine della carestia. Tuttavia, nonostante il miglioramento delle condizioni umanitarie nel Paese, la Somalia registra ancora tassi di malnutrizione e mortalità infantile tra i più alti al mondo.

Secondo il coordinatore umanitario delle Nazioni Unite per la Somalia, 2,7 milioni di persone sono ancora in imminente pericolo di vita o hanno necessità di assistenza per il proprio sostentamento.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza