Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:36
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

I pensionati dell’Arkansas soffrono la fame

Immagine di copertina

In Arkansas 160mila anziani affrontano l'insicurezza alimentare, alcuni di loro mangiano cibo per cani per risparmiare

Charolette Tidwell è un’infermiera in pensione di 69 anni che vive nella piccola cittadina di Fort Smith, nello stato americano dell’Arkansas.

Con la sua modesta pensione ha avviato una banca del cibo dove lavora sei giorni su sette, senza essere retribuita, per sfamare gli anziani di Fort Smith.

Tidwell ha iniziato l’attività nel 2000, dopo aver scoperto che molti pensionati della comunità, per via delle difficoltà economiche, avevano cominciato a mangiare cibo per cani e gatti.

“Lasciare che la generazione che ci ha cresciuto arrivi al punto di assumere proteine mangiando cibo per cani soltanto perchè costa di meno”, racconta Tidwell “ Io non posso immaginare cose di questo genere. Penso che sia una generazione dimenticata”.

Oggi la donna sfama 7mila persone al mese e dispensa oltre 500mila pasti all’anno attraverso l’organizazzione Antioch for Youth and Family da lei fondata.

Come tante località statunitensi, Fort Smith è stata colpita duramente dalla crisi economica: alcune fabbriche hanno chiuso, molti residenti hanno perso il posto di lavoro e gli stipendi sono rimasti bassi. Per questa ragione sia gli anziani che i giovani fanno la fila alla banca del cibo di Tidwell.

“Sono cresciuta nella povertà e comprendo tutte le problematiche che sono associate al non avere abbastanza denaro”, ha detto la donna.

Nello Stato dell’Arkansas, più di 160mila anziani si trovano ad affrontare quella che oggi il governo americano definisce “insicurezza alimentare”. In altre parole, le pensioni che ricevono non permettono loro di sfamarsi.

Secondo uno studio effettuato dal Dipartimento per i servizi umani dell’Arkansas, il tasso di insicurezza alimentare è di circa 1 anziano su 3.

La National Foundation to End Senior Hunger, una organizzazione non governativa che ha come obiettivo quello di risolvere la crisi alimentare tra i pensionati, stima il pericolo che una persona anziana nell’Arkansas sia denutrita al 24%, la cifra più alta degli Stati Uniti.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Fa 8.000 chilometri per raggiungere una ragazza conosciuta su Tinder
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky a Davos: "Stop totale a commercio con la Russia". 007 ucraini: "Putin sfuggito a un attentato due mesi fa". Ergastolo per primo soldato russo a processo
Esteri / Regno Unito, ospita rifugiata ucraina: lascia moglie e figli e scappa con lei
Ti potrebbe interessare
Esteri / Fa 8.000 chilometri per raggiungere una ragazza conosciuta su Tinder
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky a Davos: "Stop totale a commercio con la Russia". 007 ucraini: "Putin sfuggito a un attentato due mesi fa". Ergastolo per primo soldato russo a processo
Esteri / Regno Unito, ospita rifugiata ucraina: lascia moglie e figli e scappa con lei
Esteri / Pakistan, due sorelle uccise “per onore” dai suoceri: volevano divorziare dai cugini
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Situazione critica nel Donbass. Mosca ruba il grano". I russi intensificano gli attacchi. Francia: "15-20 anni per Kiev nell'Ue"
Esteri / Afghanistan, le giornaliste sfidano i talebani: in tv a viso scoperto
Esteri / Australia, i laburisti vincono le elezioni
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Esteri / Chi sono i tre italiani rapiti in Mali: Rocco Langone, Maria Caivano e il figlio Giovanni
Cultura / In Bielorussia il governo vieta il romanzo “1984” di George Orwell