Covid ultime 24h
casi +17.455
deceduti +192
tamponi +257.024
terapie intensive +15

Hong Kong, ufficializzato il primo caso di reinfezione da Covid-19 al mondo: “Gli anticorpi svaniscono dopo pochi mesi”

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 24 Ago. 2020 alle 14:23
2.5k
Immagine di copertina

Hong Kong: ufficializzato il primo caso di reinfezione da Covid-19 al mondo

I ricercatori dell’università di Hong Kong hanno ufficializzato, attraverso uno studio, il primo caso di reinfezione da Covid-19 al mondo. Finora, infatti, vi sono stati diversi casi di persone risultate positive una seconda volta al Coronavirus, ma non era mai stato dimostrato scientificamente una eventuale reinfezione dal virus. Ad aver contratto nuovamente l’infezione è stato un 33enne di Hong Kong, dimesso ad aprile da un ospedale dopo aver accusato i sintomi del Covid-19. L’uomo è risultato nuovamente positivo al Coronavirus all’inizio di agosto dopo essere tornato da un viaggio in Spagna.

Il personale sanitario inizialmente pensava che l’uomo potesse essere un “portatore persistente” del virus, ma i ricercatori dell’università di Hong Kong hanno scoperto, attraverso il sequenziamento genetico, che i ceppi virali da lui contratti ad aprile e ad agosto erano “chiaramente diversi”. Lo studio che ne è seguito da parte dell’Università è stato successivamente accettato e pubblicato dalla rivista medica Clinical Infectious Diseases. “Molti credono che i pazienti guariti dal Covid-19 abbiano un’immunità contro la reinfezione perché la maggior parte ha sviluppato una risposta anticorpale neutralizzante sierica. Tuttavia ci sono prove che alcuni pazienti hanno un livello di anticorpi calante dopo pochi mesi” hanno affermato i ricercatori dell’università di Hong Kong.

“I nostri risultati suggeriscono che il SARS-CoV-2 può persistere nella popolazione umana globale come nel caso di altri Coronavirus umani associati al raffreddore comune, anche se i pazienti hanno acquisito l’immunità tramite infezione naturale” si legge ancora nella conclusioni dello studio. Ecco perché, secondo i ricercatori, anche coloro che hanno contratto il Covid-19 dovrebbero continuare a indossare le mascherine e rispettare il distanziamento sociale, oltre che sottoporsi alla vaccinazione, quando questa sarà disponibile: “Poiché l’immunità può essere di breve durata dopo l’infezione naturale, la vaccinazione dovrebbe essere presa in considerazione anche per quelli con un episodio di infezione”.

Leggi anche: 1. Coronavirus, al via sperimentazione vaccino allo Spallanzani. Vaia: “Se tutto va bene pronto in primavera” / 2. Vaia (Spallanzani): “Giovani tornano dalle vacanze e contagiano genitori e nonni” / 3. L’immunologo Mantovani: “Il virus non è più gentile, è la malattia che si è attenuata. Grazie all’estate”

4. Esclusivo TPI: “La scuola così non è sicura”. Le lettere di diffida degli insegnanti ai presidi / 5. “Ha la febbre? Prenda una Tachipirina e vada comunque a fare il test”: l’assurda storia di una milanese / 6. Coronavirus, in Italia contagi aumentati del 141% nell’ultimo mese. Cartabellotta (Gimbe): “Preoccupati”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

2.5k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.