Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il presidente francese Hollande in visita a Calais promette di smantellare il campo profughi

Immagine di copertina

Il capo di stato ha assicurato che trasferirà i 9mila migranti che vivono in condizioni di squallore nella "Giungla" in altri centri di accoglienza in tutto il paese

Il presidente francese François Hollande ha visitato nella mattina di lunedì 26 settembre la città di Calais, nel nord della Francia, dove si trova la “Giungla”, il campo di migranti al centro di tensioni negli ultimi mesi.

Hollande appena arrivato ha dichiarato che il campo deve essere “completamente e definitivamente smantellato” e ha promesso di trasferire i 9mila migranti che vivono nella “Giungla” in condizioni di squallore in altri centri di accoglienza in tutta la Francia.

Il tema dei migranti e dello smantellamento del campo è già da mesi al centro della campagna elettorale francese. Il leader dei Repubblicani, Nicolas Sarkozy, ha preceduto Hollande di una settimana a Calais.

Hollande, arrivato in elicottero, ha cominciato la visita dalla gendarmeria, proseguita con incontri con i rappresentanti politici, delle associazioni e imprenditori.

Non è invece prevista una visita nella “Giungla”, ipotesi scartata per ragioni di sicurezza.

I residenti e i commercianti di Calais sono esasperati per la gestione del campo profughi, ma il presidente è stato criticato anche dalle associazioni per le condizioni in cui vivono i migranti, che lo stesso Hollande ha definito “inaccettabili”.

I lavori per smantellare la “Giungla” sono iniziati questa estate e Hollande ha come obiettivo di chiuderlo completamente entro la fine dell’anno in vista delle elezioni del 2017, in cui sicurezza e immigrazione saranno temi centrali.

Il sindaco di Parigi, la socialista Anne Hidalgo, ha annunciato che a Parigi aprirà ad ottobre il primo campo rifugiati della capitale per gestire l’emergenza dei tantissimi richiedenti asilo che vivono nelle strade della città. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / La tregua a Gaza è più lontana. Hezbollah: “Soldati israeliani tentano infiltrazione in Libano”. Hamas: “Non sappiamo quanti sono gli ostaggi ancora vivi”
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Ti potrebbe interessare
Esteri / La tregua a Gaza è più lontana. Hezbollah: “Soldati israeliani tentano infiltrazione in Libano”. Hamas: “Non sappiamo quanti sono gli ostaggi ancora vivi”
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"