Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Hollande invita alla calma dopo le violenze scoppiate nella banlieue di Parigi

Immagine di copertina

Il capo dello Stato ha incontrato in ospedale il giovane aggredito da quattro poliziotti nel sobborgo di Aulnay-sous-Bois

Francois Hollande invita alla calma dopo gli scontri scoppiati nella banlieue di Parigi a seguito della violenta aggressione subita da Théò, un 22enne di colore. Il 7 febbraio il presidente francese ha dapprima visitato il giovane ricoverato in ospedale, e ha poi riferito i contenuti del colloquio.

Théo “ha rivolto un appello alla calma, a non fare la guerra e a restare uniti. Lui ha fiducia nella giustizia e vuole ritrovare il suo quartiere come l’ha lasciato”, ha detto il capo dello Stato, che ha poi sottolineato il ruolo protettivo della giustizia per i cittadini, anche quando a sbagliare sono “degli agenti delle forze dell’ordine”.

Gli scontri tra giovani e la polizia sono scoppiati nel sobborgo settentrionale di Aulnay-sous-Bois, dopo l’arresto del 22enne avvenuto il 3 febbraio. Il giovane ha denunciato di essere stato malmenato da quattro poliziotti durante un controllo, e di aver subito violenza sessuale da uno di loro. Sulla vicenda indaga la procura di Parigi che ha sospeso i quattro agenti dal servizio.

— GUARDA ANCHE: I video degli scontri tra manifestanti e polizia

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.*

Ti potrebbe interessare
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"
Esteri / Putin minaccia l’Occidente: “Fa rischiare la guerra nucleare”