Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Perché nelle fanfiction su Harry Potter si parla sempre più di autismo

Immagine di copertina
La saga cinematografica di "Harry Potter"

La risposta è stata data dagli studiosi dell'università della California

L’autismo non è sinonimo di “diversità”. È il messaggio chiaro e tondo che arriva dall’universo delle fan fiction, le storie scritte dai fan che prendono spunto dalle vicende o dai protagonisti di un’opera originale. Secondo il sito The Conversation, infatti, molti autori di fan fiction inseriscono nei loro racconti personaggi che presentano disturbi del neurosviluppo. Soprattutto nelle opere ispirate a Harry Potter.

Harry Potter e autismo

Al di là di qualche esempio nel mondo del cinema e della tv – Dustin Hoffman in Rain Man e Julia in Sesamo apriti – ci sono ancora pochi casi in cui si parla liberamente di autismo, o meglio, di disturbi dello spettro autistico. Eppure se ci fossero più personaggi, dalla letteratura alla musica, questi sarebbero estremamente importanti: un ritratto accurato dell’autismo può aiutare le persone a comprendere la complessità di questa condizione. Le poche rappresentazioni, talvolta ingannevoli, incoraggiano la disinformazione e i pregiudizi.

Il vuoto, dunque, provano a colmarlo i fan di un particolare libro, serie tv o film. Nel caso di Harry Potter gli studiosi dell’università della California, dal 2016, hanno notato come spesso ci siano personaggi inventati autistici o neurodiversi.

La maggior parte delle storie è scritta da giovani che vanno ancora a scuola e che hanno fratelli, parenti o amici con il disturbo dello spettro autistico. E i protagonisti delle vicende narrate, di frequente, si confrontano con il bigottismo legato all’autismo e parlano delle proprie condizioni.

Molti degli scrittori, inoltre, rappresentano l’autismo come una sorta di “magia” o abilità che, a Hogwarts, viene considerata speciale e persino vantaggiosa. In altri casi, l’autismo non è comunque rappresentato come un handicap o una sfida da superare.

Harry Potter, però, non è l’unico terreno fertile per la creazione di storie alternative. Avviene anche in Star Treck, dove gli autori hanno immaginato una relazione omosessuale tra il capitano Kirk e Spock: i fan sono stati in grado di integrare trame e temi queer nell’universo fantascientifico di Gene Roddenberry in un momento in cui veniva dato poco spazio a questioni del genere.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Ti potrebbe interessare
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come