Covid ultime 24h
casi +21.052
deceduti +662
tamponi +194.984
terapie intensive -50

Hacker turchi attaccano profili Twitter di media e istituzioni europei e internazionali

Sugli account hackerati è apparsa la frase “ci vediamo il 16 aprile”, giorno del referendum sul presidenzialismo in Turchia, un video e la bandiera turca

Di TPI
Pubblicato il 15 Mar. 2017 alle 10:39 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 21:29
0
Immagine di copertina

Diversi account Twitter di alcune istituzioni e associazioni umanitarie sono stati hackerati nella mattinata di mercoledì 15 marzo. Sulla pagina di questi account era visibile una bandiera turca, il link di un video, dal contenuto ancora ignoto, e un messaggio in lingua turca. Fra i siti piratati ci sono quello dei ministeri economici francesi, quello della trasmissione tv Envoyé special, quello dell’edizione francese della rivista Forbes e il profilo personale del politico Alain Juppè.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

L’attacco hacker non ha riguardato solo profili Twitter francesi, ma anche quelli di giornali, personalità di spicco e agenzie governative europee, con l’uso degli hastag #Nazialmanya e #Nazihollanda, facendo riferimento a Germania e Paesi Bassi e alle recenti tensioni tra questi due paesi e Ankara. Tra i profili del social network coinvolti anche quello del Parlamento europeo.

Sugli account hackerati è inoltre apparsa la frase “ci vediamo il 16 aprile”, giorno del referendum sul presidenzialismo in Turchia.

Tra i tanti profili Twitter entrati sotto il controllo di qualche supporter del governo turco ci sono stati anche quelli di Reuters Giappone, Die Welt, Forbes, Amnesty International, Unicef Usa, BBC Nord America e il dipartimento Salute del Regno Unito. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.