Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Zuckerberg legittima l’odio contro la Russia: è il modo peggiore per rispondere a Putin

Immagine di copertina

Guerra in Ucraina, Zuckerberg legittima l’odio contro la Russia

Da arbitri neutrali a ultras. La parabola di Mark Zuckerberg e di Meta nell’invasione russa dell’Ucraina dimostra come le Big Tech passino spesso con eccessiva faciloneria da un estremo all’altro. Fino a ieri (prima della guerra), come avevamo spiegato anche qui su TPI, la propaganda e la disinformazione russa venivano fatte circolare su piattaforme come Facebook quasi come nulla fosse. Policy zoppe, moderazione di contenuti e sistema di etichettatura dei post inefficaci, hanno fatto sì che le bufale del Cremlino, specie quelle che riguardavano l’Ucraina, continuassero a fare danni liberamente.

Quando poi l’invasione si è concretizzata, e le Big Tech si sono giustamente schierate dalla parte degli invasi, si è passati all’estremo opposto, sdoganando l’hate speech. Su Facebook e Instagram sarà infatti possibile pubblicare messaggi di odio nei confronti di militari russi (ad eccezione dei prigionieri di guerra), così come invocare la morte di Vladimir Putin e del presidente bielorusso Lukashenko.

Legittimare il “devi morire” pubblico, anche nei confronti del peggiore degli uomini, sembra una maldestra e rozza scorciatoia per evitare di fare i conti con le proprie responsabilità. Proprio l’odio, unito alle fake news, è l’arma di cui si sono serviti i peggiori regimi per preparare il terreno ai crimini più orribili. E l’hanno fatto anche su piattaforme come Facebook. È accaduto con la persecuzione dei Rohingya in Myanmar, alimentata da bufale e hate speech. È accaduto nelle vicende che hanno coinvolto giornalisti e oppositori di dittatori, come il premio Nobel per la Pace Maria Ressa, oggetto di campagne denigratorie da parte del regime di Duterte nelle Filippine. Ed è accaduto anche con Putin e la propaganda anti-Ucraina della Russia.

Adoperarsi per costruire un ecosistema online realmente sano e funzionante è un processo lungo e faticoso, che richiede investimenti, scelte oculate e la chiara percezione delle proprie responsabilità pubbliche. Il contrario di una finta e comoda neutralità, ma anche della risposta all’odio con l’odio.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Pilota in pensione torna a combattere per Putin, ma muore in battaglia
Esteri / Spara sulla folla per un mancato parcheggio: una donna lo uccide a colpi di pistola
Esteri / La Cina ritira dalla circolazione un libro scolastico di matematica: “È pornografico”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Pilota in pensione torna a combattere per Putin, ma muore in battaglia
Esteri / Spara sulla folla per un mancato parcheggio: una donna lo uccide a colpi di pistola
Esteri / La Cina ritira dalla circolazione un libro scolastico di matematica: “È pornografico”
Esteri / L’aereo Ita non risponde al centro radar: allarme nei cieli della Francia
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Zelensky: “Il Donbass sarà di nuovo ucraino”. Putin a Macron e Scholz: “Pronti al dialogo con Kiev”. L’Ue valuta missione navale per trasportare il grano ucraino
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX