Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:29
Tpi Fest 2023

In diretta dalla Tettoia Nervi di Bologna

Pubblicato da TPI su Domenica 24 settembre 2023
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Guerra in Ucraina, situazione di stallo in gran parte del Paese: ecco quali sono le possibili conseguenze

Immagine di copertina

Guerra in Ucraina: per gli analisti alto rischio di una condizione di stallo

Le truppe ucraine sono riuscite a mandare all’aria i piani iniziali della Russia, la quale sperava in una guerra lampo per prendere il controllo della capitale ucraina e della città principali e imporre un cambio di regime. Lo affermano i ricercatori statunitensi George Barros e Frederick Kagan dell’Institute for the Study of War (ISW), secondo cui però il conflitto si starebbe avviando verso una pericolosa situazione di stallo che rischia di mettere a dura la prova la resistenza ucraina e le linee di supporto occidentali, oltre a provocare danni sempre più ingenti alle infrastrutture e aumentare disastrosamente il numero di vittime nel conflitto.

Molti analisti sono concordi sugli errori strategici compiuti dalla Russia durante la prima fase dell’offensiva, dalla forza d’attacco ridotta alla sottovalutazione del nemico, fino alle carenze nel sistema d’intelligence e l’eccessiva disarticolazione delle unità in avanzata. Anche la presa di Kyiv sembra essere ormai fuori dalla portata dell’esercito russo, ma ciò nonostante le truppe russe continuano a scavare trincee intorno alla periferia della capitale e a dare nuovo impulso alla guerra d’invasione, mentre tentano di consolidare il controllo politico nelle aree attualmente occupate inviando rifornimenti e rafforzando le postazioni delle proprie unità, iniziando a gettare le basi amministrative per il mantenimento generale delle posizioni conquistate per un tempo indefinito.

Secondo gli analisti dell’ISW la fase di stallo verso cui si sta dirigendo il conflitto sarà molto probabilmente sanguinosa, specialmente se dovesse protrarsi a lungo. A differenza di un armistizio e di un cessate il fuoco, lo stallo è una condizione di guerra in cui ciascuna parte conduce operazioni offensive che non alterano fondamentalmente la situazione sul campo. L’unico esito di queste operazioni è quello di provocare danni sempre più ingenti alle infrastrutture e un elevatissimo numero di vittime. Ne sono una dimostrazione le battaglie di Somme, Verdun e Passchendaele della Prima guerra mondiale che furono condotte in una situazione di stallo – con un enorme dispendio di uomini e risorse – e che tale rimase.

Se la guerra in Ucraina dovesse tradursi in una situazione di stallo prolungato le forze russe continueranno a bombardare le città ucraine distruggendole e uccidendo i civili, sostiene l’ISW, pure se le truppe di difesa dovessero infliggere pesanti perdite ai russi e conducessero forti azioni di controffensiva. In queste circostanze, concludono gli analisti americani, i russi possono solo sperare di spezzare la volontà di combattere degli ucraini dimostrando a Kyiv la propria incapacità di espellere le loro forze o di fermare i loro attacchi – anche se i russi non sono chiaramente in grado di conquistare le città ucraine. Secondo l’ISW, l’iniziale sconfitta della campagna russa potrebbe gettare le basi per un protrarsi disastroso del conflitto e di un periodo molto pericoloso che metterà alla prova la tenuta dell’Ucraina e dell’Occidente, sottolineando che il sostegno continuo e ampliato di quest’ultimo sarà di vitale importanza al Paese in questa nuova fase.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il processo del secolo negli Usa: lo Stato contro Google
Esteri / Giorgia l’indiana: addio alla Via della Seta per quella del Cotone. Ma per l’Italia può essere un boomerang
Esteri / Perché la Polonia non fornirà più armi all’Ucraina
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il processo del secolo negli Usa: lo Stato contro Google
Esteri / Giorgia l’indiana: addio alla Via della Seta per quella del Cotone. Ma per l’Italia può essere un boomerang
Esteri / Perché la Polonia non fornirà più armi all’Ucraina
Esteri / Terremoto Marocco, stanziati 12 miliardi di dollari
Esteri / Meloni all’Onu: “Guerra globale agli scafisti. Le Nazioni Unite rifiutino ogni ipocrisia”
Esteri / Venezuela, bambino disabile rinchiuso in una gabbia per anni senza cibo: mamma e zie arrestate
Esteri / Emissioni elettromagnetiche: la Francia ritira dal mercato l’iPhone12
Esteri / Francia, i genitori di una 15enne suicida denunciano l’algoritmo di TikTok
Esteri / “Noi, giovani dissidenti in fuga dall’Iran: la polizia spara contro chi protesta”
Esteri / Taiwan: “28 aerei da guerra cinesi intorno all’isola”