Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Animali in guerra: come alcune ONG cercano di salvare chi non può difendersi dalle bombe

Immagine di copertina

Oltre 3 milioni di persone hanno lasciato l’Ucraina dall’inizio della guerra in quello che le Nazioni Unite hanno definito l’esodo più grande di rifugiati dalla Seconda guerra mondiale. Ma non sono soltanto gli esseri umani a fuggire dalle bombe. Anche gli animali, pur non potendo comprendere a pieno ciò che accade, sentono molto bene che qualcosa non va e di essere in pericolo.

Fortunatamente diverse organizzazioni si stanno attivando per accogliere gli animali sfollati in Ucraina. Jacub Kotowicz, un veterinario polacco dell’ADA Foundation ha un rifugio per animali a Przemysl, ad appena 30 minuti dal confine ucraino.

Dall’inizio dei bombardamenti lui e molti altri veterinari non hanno più avuto un minuto per riposarsi a causa dell’enorme mole di animali in arrivo dall’Ucraina in cerca di un posto sicuro.

“Molti arrivano disidratati. Alcuni gravemente malati,” ha detto alla CNN. “Non abbiamo bisogno di cibo ma di attrezzature, medicinali e finanziamenti per pagare i trasporti,” ci tiene a sottolineare.

Anche Sasha Winkler, un ragazzo di 35 anni proveniente da Chemnitz in Germania, ha istituito un rifugio nella cittadina polacca di Medyka, vicina al confine meridionale dell’Ucraina, per ospitare  gli animali terrorizzati provenienti dalle zone di guerra.

Sasha Winkler

La sua organizzazione, la Aktiv Winkler, fornisce assistenza medica, cibo e attenzioni ai molti animali rimasti indietro nel conflitto che gli ucraini in fuga non hanno avuto altra scelta che abbandonare. Una volontaria danese dell’organizzazione, Sonja Mortense-Dissing, ha spiegato a Euronews che molti proprietari hanno lasciato delle lettere vicino ai loro cani nella speranza di potersi riunire un giorno a loro. “La situazione è molto difficile,” racconta con le lacrime agli occhi.

L’organizzazione sta cercando di portare soccorso nelle principali città ucraine, aiutando le persone patentate a organizzarsi per recarsi in centri più piccoli dove poter consegnare il cibo agli animali.

Secondo l’account Instagram di Winkler Aktiv, un team di loro volontari si trova in viaggio in questo momento verso Kiev dopo aver salvato sul percorso oltre 50 animali da un rifugio abbandonato a 300 chilometri dal confine tra Polonia e Ucraina.

Anche uno zoo polacco si è attivato per accogliere gli animali – non solo domestici – coinvolti nella guerra. Lo zoo di Kiev ospita 4mila creature appartenenti a 200 specie, tra cui elefanti, cammelli e l’unico gorilla dell’Ucraina. Purtroppo per loro l’evacuzione ora è quasi impossibile, sostiene Kyrylo Trantin, il responsabile dello zoo. “Le scorte di cibo sono sufficienti per circa dieci giorni. La situazione è molto grave.”

Toni, l’unico gorilla dell’Ucraina

Ad oggi Romania, Repubblica Ceca, Lituania, Slovenia, Ungheria e Polonia hanno allentato le restrizioni sugli animali da compagnia, permettendo a molti rifugiati ucraini di portare con sé i loro animali domestici e la Commissione europea ha chiesto a tutti gli Stati membri di rendere più flessibile la documentazione richiesta per l’ingresso degli animali. Sebbene la mozione non sia ancora stata adottata uniltateralmente, molti Paesi europei stanno iniziando a implementare queste pratiche.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Pakistan, due sorelle uccise “per onore” dai suoceri: volevano divorziare dai cugini
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Stiamo facendo di tutto per tornare alla pace. Situazione Donbass difficile"
Esteri / Afghanistan, le giornaliste sfidano i talebani: in tv a viso scoperto
Ti potrebbe interessare
Esteri / Pakistan, due sorelle uccise “per onore” dai suoceri: volevano divorziare dai cugini
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Stiamo facendo di tutto per tornare alla pace. Situazione Donbass difficile"
Esteri / Afghanistan, le giornaliste sfidano i talebani: in tv a viso scoperto
Esteri / Australia, i laburisti vincono le elezioni
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Esteri / Chi sono i tre italiani rapiti in Mali: Rocco Langone, Maria Caivano e il figlio Giovanni
Cultura / In Bielorussia il governo vieta il romanzo “1984” di George Orwell
Esteri / “Putin circondato dai medici, curato anche tra una riunione e l’altra”: le nuove voci sul suo stato di salute
Esteri / Sharm El Sheikh, bimba abruzzese di 13 mesi cade dal balcone e muore
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Nessun negoziato senza scambio di soldati dell'Azovstal". La Russia vieta l'ingresso a Biden