Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Fuga da New York: gli oligarchi russi abbandonano la Grande mela e anche il Plaza finisce sul mercato

Immagine di copertina

Guerra in Ucraina: gli oligarchi russi abbandonano New York

Le sue stanze metterebbero a suo agio anche una Maria Antonietta e solo in pochi possono affermare di aver soggiornato nelle suite di uno dei palazzi più fascinosi e inaccessibili al mondo. Una di queste è tornata di recente sul mercato dopo che i due proprietari, Valery Kogan, co-proprietario dell’aeroporto Domededovo di Mosca e sua moglie Olga hanno deciso di liberarsi del loro doppio appartamento regale e di altre proprietà per un valore complessivo di 250 milioni di dollari sul mercato immobiliare newyorchese.

Secondo un’indiscrezione pubblicata in esclusiva dal New York Post, i due miliardari russi avrebbero deciso di mettere in vendita il loro appartamento esclusivo. L’annuncio descrive lo spazio come “degno della regalità francese,” con foglie d’oro intarsiate sui soffitti e alle pareti, bagni costellati da gemme e candelieri di cristallo in ogni stanza, o quasi. Ma non solo, modanature eleganti e intricate, pavimenti intarsiati, pareti rivestite in legni prestigiosi e l’accesso a una delle caratteristiche torrette dell’edificio. Nel corso della ristrutturazione sono stati aggiunti anche diversi ammenicoli, tra cui un bar mobile e una piccola cucina da cambusa.

La famiglia Kogan ha anche delle proprietà al 15 Central Park West e al 515 Park Avenue, anch’esse messe “discretamente” in vendita per un valore complessivo di 100 milioni di dollari. Per chi invece fosse interessato all’appartamento nell’iconico hotel del XIX secolo di fronte a Central Park, il prezzo di partenza è di 50 milioni di dollari.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Amsterdam, persona muore risucchiata dalla turbina di un aereo in partenza
Esteri / Attacchi ucraini in Russia con armi occidentali, anche Biden pronto a dire sì. Lavrov: “Reagiremo”
Esteri / Xi Jinping: “Conferenza di pace ad ampia base sul Medio Oriente”. Gallant: “Informazioni concrete su ostaggi detenuti a Rafah”. Tajani: “Sì a Stato palestinese, ma con garanzie per Israele”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Amsterdam, persona muore risucchiata dalla turbina di un aereo in partenza
Esteri / Attacchi ucraini in Russia con armi occidentali, anche Biden pronto a dire sì. Lavrov: “Reagiremo”
Esteri / Xi Jinping: “Conferenza di pace ad ampia base sul Medio Oriente”. Gallant: “Informazioni concrete su ostaggi detenuti a Rafah”. Tajani: “Sì a Stato palestinese, ma con garanzie per Israele”
Esteri / “Avrei bombardato Mosca e Pechino”: l’imprevedibilità di Trump e la guerra
Esteri / La Corea del Nord invia palloncini carichi di feci e spazzatura in Corea del Sud. Seul: “Fermatevi”
Esteri / Macron e Scholz: “L’Ucraina deve poter colpire la Russia”. Putin: “Si rischia una guerra globale”
Esteri / Il maltempo danneggia il molo costruito da Usa, sospesi gli aiuti umanitari a Gaza, Riad accusa Israele: “Continui massacri genocidari”. carri armati israeliani proseguono attacchi a Gaza
Esteri / Il Papa si scusa per il termine “frociaggine”: “Non volevo offendere nessuno, la Chiesa è di tutti”
Esteri / Gaza, al-Jazeera: oltre 20 morti in un nuovo raid di Israele a Rafah. Idf smentiscono. Carri armati israeliani raggiungono il centro città. Tel Aviv schiera un'altra brigata. Oms: 723 operatori sanitari uccisi dal 7 ottobre. Quasi 36.100 vittime in totale. Mar Rosso: attaccato un mercantile al largo dello Yemen. Spagna, Irlanda e Norvegia riconoscono lo Stato di Palestina. Slovenia deciderà il 30 maggio. No della Danimarca
Esteri / “Nei seminari c’è già troppa frociaggine”: la frase omofoba attribuita a Papa Francesco