Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

“È fuori controllo”: si fa strada l’ipotesi di un golpe interno per fermare Putin e risolvere la crisi

Immagine di copertina

Si fa strada l’ipotesi di un golpe interno per fermare Putin e risolvere la crisi

“Vlad the Mad”: così il Financial Times ha soprannominato il presidente russo Vladimir Putin dopo l’escalation nucleare, minaccia secondo molti opinionisti altro non fa che sottolineare la sua posizione di crescente isolamento dentro e fuori la Russia e la sua “perdita di lucidità.” Secondo il quotidiano finanziario “l’unica via per la pace è l’intervento dell’élite russa,” mentre ieri il portavoce del primo ministro britannico Boris Johnson si è lasciato sfuggire che “le sanzioni occidentali mirano a farlo cadere”, dichiarazione poi smentita da Downing Street.

D’altro canto Putin ha subito più di un contraccolpo durante la sua offensiva militare in Ucraina, costretta a rallentare di fronte alle difficoltà logistiche dei suoi generali – razioni scadute da sette anni, mezzi militari fermi in autostrada – e alla resistenza coraggiosa della popolazione ucraina. Il fronte occidentale si è dimostrato inoltre molto più compatto nel rispondere all’invasione e il crollo del rublo potrebbe dare il colpo di grazia alla presa sul potere dello zar, che inizia a scricchiolare.

Il sottosegretario aglio Esteri britannico ha dichiarato che “i suoi leader militari sanno che Putin è sempre più isolato e illogico, i generali russi hanno i mezzi per farlo cadere e noi gli chiediamo di agire.” Lo stesso concetto è stato sottolineato anche dall’analista dello European Center for Foreign Relations Kadri Liik, secondo cui “La società russa è esausta e vuole un cambiamento al vertice. Potrebbe passare del tempo prima che le conseguenze della guerra in Ucraina lo producano, ma con l’invasione Putin ha messo una bomba sotto il proprio personale sistema di potere.”

Intanto, mentre l’Occidente auspica un intervento dell’élite russa, Putin resta isolato nella sua dacia, dove, secondo quanto riferito dall’ex consigliera della Casa Bianca Fiona Hill, ha ormai pochissimi contatti.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Afghanistan, le giornaliste sfidano i talebani: in tv a viso scoperto
Esteri / Australia, i laburisti vincono le elezioni
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Afghanistan, le giornaliste sfidano i talebani: in tv a viso scoperto
Esteri / Australia, i laburisti vincono le elezioni
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Esteri / Chi sono i tre italiani rapiti in Mali: Rocco Langone, Maria Caivano e il figlio Giovanni
Cultura / In Bielorussia il governo vieta il romanzo “1984” di George Orwell
Esteri / “Putin circondato dai medici, curato anche tra una riunione e l’altra”: le nuove voci sul suo stato di salute
Esteri / Sharm El Sheikh, bimba abruzzese di 13 mesi cade dal balcone e muore
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Nessun negoziato senza scambio di soldati dell'Azovstal". La Russia vieta l'ingresso a Biden
Esteri / I video dell’esecuzione dei civili a Bucha: le nuove prove pubblicate dal New York Times
Economia / Il paradosso delle sanzioni: dall’invasione l’Italia ha quadruplicato le importazioni di petrolio russo