Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Psycho-Zar: cosa passa davvero nella mente di Putin?

Immagine di copertina

Il leader russo ha un carattere glaciale, gli piace rischiare e non sembra aver paura di nulla. Gli importa solo di se stesso ma teme chi gli sta intorno. Per il Kgb aveva un difetto fatale: un senso del pericolo smisurato. Ma ora minaccia la guerra atomica. Il settimanale TPI pubblica un “viaggio” nella testa del capo del Cremlino

Erano gli anni Settanta e un giovane Vladimir Putin frequentava ancora luniversità a Leningrado. Un giorno si ritrovò a guidare fuori città: era insieme al suo allenatore di arti marziali quando vide un camion che trasportava fieno e decise di raggiungerlo. Aveva il finestrino aperto, affiancò il mezzo in curva e allungò la mano. Perse quasi il controllo dellauto, che per un momento si ritrovò su due ruote e poi finì in un fosso. Guidatore e passeggero erano illesi ma non dissero più una parola finché non arrivarono a destinazione. Sceso dal veicolo, lallenatore si rivolse allallievo: «Ti prendi dei rischi…». Quasi trentanni dopo, raggiunto il vertice del Cremlino, il presidente russo commentò: «Alcune azioni sono del tutto inspiegabili. Cosa mi aveva attratto? Il profumo del fieno».

Lincidente, raccontato nel suo libro-intervista In prima persona”, dice molto della personalità del leader russo, almeno secondo leditorialista moscovita Leonid Bershidsky. «Putin allunga la mano per afferrare qualcosa che ritiene abbia un buon odore, incurante del rischio di finire in un fosso», scrisse lanalista allindomani dellintervento russo in Siria. Allora gli andò bene. Oggi tocca allUcraina, un altro rischio calcolato. Forse non proprio a fondo. I suoi vecchi istruttori del Kgb lo scrissero nella scheda di valutazione del giovane agente: «Possiede un senso del pericolo smisurato». E questa mancanza, ammise anni dopo Putin, era considerata grave. La sua scorza dacciaio, secondo lo psichiatra americano Jerold M. Post impiegato per anni dalla Cia come consulente per lanalisi comportamentale, ha una motivazione ben definita. «Ha iniziato a praticare arti marziali per non essere maltrattato dagli altri», scrisse in un articolo del 2015. «E così fa al Cremlino». Secondo lesperto scomparso due anni fa, «si vede come uno Zar dei giorni nostri, responsabile dei popoli di lingua russa». «Ma la persona più importante per lui è Putin stesso, non il popolo russo». Unanalisi condivisa da un altro illustre collega…
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il giornalista russo Solovyov ancora contro Draghi: “Non lo ha eletto nessuno”
Esteri / Giappone, 24enne riceve per errore 340mila euro di aiuti per il Covid e se li gioca tutti al casinò
Esteri / Ucraina, soldato russo “ha chiuso la famiglia in uno scantinato e stuprato una ragazza”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il giornalista russo Solovyov ancora contro Draghi: “Non lo ha eletto nessuno”
Esteri / Giappone, 24enne riceve per errore 340mila euro di aiuti per il Covid e se li gioca tutti al casinò
Esteri / Ucraina, soldato russo “ha chiuso la famiglia in uno scantinato e stuprato una ragazza”
Esteri / Drone russo sgancia una granata dentro a un bicchiere di plastica | VIDEO
Cronaca / Mosca espelle 24 diplomatici italiani: “Da Roma azioni ostili e immotivate”
Esteri / Al Congresso Usa si è tenuta la prima audizione sugli Ufo
Esteri / Aereo caduto in Cina, le scatole nere: "È stato fatto precipitare volontariamente"
Esteri / Guerra in Ucraina, Mosca: ripresa colloqui pace improbabile. Gli Stati Uniti riaprono la loro ambasciata a Kiev
Esteri / L’”orbanizzazione” degli Stati Uniti: perché la destra americana guarda sempre più al leader ungherese
Esteri / Goldman Sachs offre ferie illimitate ai dipendenti senior per “riposarsi e ricaricarsi”