Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:07
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Guerra in Libia, sale a 443 il numero delle persone morte negli scontri

Immagine di copertina
Credit: Hazem Turkia / Anadolu Agency / AFP

Il conflitto tra il premier del Governo di accordo nazionale Fayez al Serraj e il maresciallo Khalifa Haftar continua a causare morti e feriti in Libia, mettendo anche in pericolo la vita dei migranti che si trovano nei centri di detenzione del paese.

Guerra in Libia: a che punto è lo scontro tra Haftar e al-Serraj

Secondo gli ultimi dati pubblicati dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) sono 443 le persone rimaste uccise dall’inizio degli scontri, 2.110 i feriti e oltre 60mila gli sfollati.

Ma a destare preoccupazione sono anche le condizioni dei migranti rinchiusi nei centri di detenzione: il portavoce dell’Onu ha riferito che l’8 maggio uno dei campo di Tajura, a est di Tripoli, è stato colpito e nell’attacco due persone sono rimaste ferite. Nel centro ci sono più di 500 detenuti.

Anche l’Unhcr, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, ha chiesto che i rifugiati e i migranti bloccati nei centri di detenzione nell’area di Tripoli vengano presto evacuati.

“A questo punto, i rischi sono semplicemente inaccettabili”, ha dichiarato Vincent Cochetel, Inviato speciale dell’Unhcr per il Mediterraneo centrale.

“Le persone detenute nei Centri di Tripoli sono minacciate da pericoli sempre maggiori, pertanto è di vitale importanza che siano evacuate immediatamente e messe in salvo”.

L’Agenzia ha specificato che dallo scoppio del conflitto  oltre 1.200 persone sono state ricollocate da località ad alto rischio verso aree più sicure, ma il problema non è del tutto risolto.

Ci sono ancora 3.460‪ rifugiati e migranti ancora chiusi nei Centri di detenzione che si trovano in prossimità di zone interessate dal conflitto e la cui vita è in pericolo. Altro problema evidenziato dall’Unhcr riguarda i corridoi umanitari: l’ultimo ricollocamento risale infatti al 29 aprile, quando 146 persone sono state portate in Italia.

Ad una situazione già di per sé drammatica si aggiunge anche il fatto che i Centri di detenzione sono spesso usati come depositi di armi e attrezzature militari. “Un simile utilizzo delle infrastrutture civili costituisce una violazione del diritto umanitario internazionale e deve essere assolutamente evitato”, fanno sapere dall’Unhcr.

L’Onu ha anche segnalato che è cresciuto il numero di arresti arbitrari e di rapimenti di funzionari, attivisti e giornalisti e di cui è stata chiesta l’immediata liberazione.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa