Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:40
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

In Guatemala è scoppiato un grave scandalo di corruzione

Immagine di copertina

È la più grave crisi politica attraversata dal Paese dalla fine della guerra civile nel 1996

In seguito agli scandali di corruzione, il presidente del Guatemala Otto Pérez Molina ha rimosso dal loro incarico i ministri dell’Interno, dell’Energia, dell’Ambiente e il capo dell’Intelligence. Si tratta della più grande crisi politica attraversata dal Paese dalla fine della guerra civile nel 1996.

Le rivelazioni sui casi di corruzione sono state pubblicate lo scorso 16 aprile dalla Commissione Internazionale contro l’Impunità in Guatemala (Cicig), un’agenzia sponsorizzata dalle Nazioni Unite.

In seguito al rapporto del Ccig, sono state arrestate 15 persone tra politici e ufficiali di alto livello, e la vice-presidente del Guatemala Roxana Baldetti si è dovuta dimettere. 

Tra gli arrestati, anche il capo della banca centrale del Guatemala, Julio Suárez.

L’investigazione ha portato alla luce un vasto sistema di corruzione, controllato da Juan Carlos Monzón, il segretario personale della vice-presidente Baldetti.

I politici coinvolti prendevano mazzette da imprenditori che si occupavano di import-export, che in cambio potevano avvantaggiarsi di dazi doganali agevolati. In Guatemala, le basse tasse d’importazione sono spesso state criticate perché contribuiscono alla scarsa crescita dell’economia nel Paese.

Il 16 e 17 maggio circa 60mila persone sono scese in piazza nella capitale, Città del Guatemala, per chiedere le dimissioni del presidente e riforme contro la corruzione.

Lo scandalo ha inoltre riacceso il dibattito sul ruolo dell’esercito durante la guerra civile (1960-1996), che causò la morte di oltre 200mila persone.

Alcuni tra gli incriminati nella vicenda della corruzione che ha dato vita alla più grande crisi politica del Guatemala della storia contemporanea appartengono all’élite militareMonzón, il segretario della vice-presidente del Paese, è un ex capitano dell’esercito, ora in pensione.

Anche l’attuale presidente del Guatemala Molina è l’ex-capo dell’intelligence militare.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Vertice tra Biden e Draghi al G7: "Europeismo e atlantismo nostri pilastri
Esteri / Sorelline rapite dal padre: ritrovato in fondo al mare il corpo di Olivia. Si cerca l'altra bambina
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vertice tra Biden e Draghi al G7: "Europeismo e atlantismo nostri pilastri
Esteri / Sorelline rapite dal padre: ritrovato in fondo al mare il corpo di Olivia. Si cerca l'altra bambina
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Esteri / La balena inghiottisce il pescatore: l’uomo si salva per un colpo di tosse
Esteri / La morte di George Floyd e la pandemia da Covid-19: le storie che hanno vinto i premi Pulitzer del 2021
Esteri / L’Iran espelle una suora italiana
Esteri / Tensione fra Italia ed Emirati Arabi: a rischio la base strategica in Medio Oriente
Esteri / Perù: procuratore chiede l’arresto di Keiko Fujimori, candidata della destra alle recenti elezioni
Esteri / Putin protesta, l'Uefa ordina all'Ucraina di cambiare la maglia "politica"
Esteri / Usa, una canna di marijuana gratis a chi si fa il vaccino anti-Covid