Covid ultime 24h
casi +16.974
deceduti +380
tamponi +319.633
terapie intensive -73

Il capo dei Cavalieri di Malta si dimette dopo uno scontro con il Vaticano

Le dimissioni di Matthew Festing erano state chieste dal papa dopo che l'Ordine di Malta aveva rifiutato di cooperare con la Santa sede per un’inchiesta

Di TPI
Pubblicato il 25 Gen. 2017 alle 12:20 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 18:58
0
Immagine di copertina

Il Gran maestro dei Cavalieri di Malta Matthew Festing ha rassegnato le proprie dimissioni mercoledì 25 gennaio 2017 dopo uno scontro con il Vaticano. L’Ordine di Malta aveva rifiutato di cooperare con la Santa sede nell’ambito di un’inchiesta voluta da papa Francesco su un programma di distribuzione di profilattici in Birmania.

Il pontefice aveva chiesto al Gran maestro di lasciare il suo incarico in un incontro martedì 24 gennaio 2017.

“Il Papa lo ha invitato a rinunciare e lui ha accettato”, ha riferito un portavoce dell’Ordine.

La vicenda è iniziata con la rimozione dall’incarico di Albrecht Freiherr von Boeselager, Gran cancelliere dell’Ordine di Malta, avvenuta il 6 dicembre 2016. Per l’Ordine, Von Boeselager aveva consentito l’uso di profilattici in Birmania quando dirigeva Malteser International, l’agenzia umanitaria dell’ordine. La chiesa cattolica vieta l’uso dei profilattici.

Von Boeselager ha detto di non essere stato a conoscenza del programma per la distribuzione dei preservativi, che era un’iniziativa per la prevenzione dell’Hiv e per il controllo delle nascite e ha aggiunto di aver interrotto il programma non appena ne è venuto a conoscenza.

Papa Francesco è intervenuto in difesa di von Boeselager, invitando al dialogo per risolvere la disputa e costituendo una commissione di cinque membri per chiarire le circostanze della sua estromissione.

L’Ordine ha reagito all’intervento del pontefice affermando che si tratta di una questione interna e ha poi respinto l’indagine del Vaticano ritenendola illegittima.

Le dimissioni del Gran maestro dei Cavalieri di Malta sono un evento insolito e devono essere confermate dal Sovrano consiglio. L’Ordine sarà ora guidato dal secondo in carica, il Gran commendatore, fino a quando non sarà eletto un nuovo Gran maestro.

L’Ordine di Malta è un’istituzione religiosa della chiesa cattolica sin dal 1113 ed è soggetto di diritto internazionale. Ha relazioni diplomatiche con più di cento Stati e con l’Unione europea, e ha lo status di osservatore permanente alle Nazioni Unite.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.