Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:27
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il capo dei Cavalieri di Malta si dimette dopo uno scontro con il Vaticano

Immagine di copertina

Le dimissioni di Matthew Festing erano state chieste dal papa dopo che l'Ordine di Malta aveva rifiutato di cooperare con la Santa sede per un’inchiesta

Il Gran maestro dei Cavalieri di Malta Matthew Festing ha rassegnato le proprie dimissioni mercoledì 25 gennaio 2017 dopo uno scontro con il Vaticano. L’Ordine di Malta aveva rifiutato di cooperare con la Santa sede nell’ambito di un’inchiesta voluta da papa Francesco su un programma di distribuzione di profilattici in Birmania.

Il pontefice aveva chiesto al Gran maestro di lasciare il suo incarico in un incontro martedì 24 gennaio 2017.

“Il Papa lo ha invitato a rinunciare e lui ha accettato”, ha riferito un portavoce dell’Ordine.

La vicenda è iniziata con la rimozione dall’incarico di Albrecht Freiherr von Boeselager, Gran cancelliere dell’Ordine di Malta, avvenuta il 6 dicembre 2016. Per l’Ordine, Von Boeselager aveva consentito l’uso di profilattici in Birmania quando dirigeva Malteser International, l’agenzia umanitaria dell’ordine. La chiesa cattolica vieta l’uso dei profilattici.

Von Boeselager ha detto di non essere stato a conoscenza del programma per la distribuzione dei preservativi, che era un’iniziativa per la prevenzione dell’Hiv e per il controllo delle nascite e ha aggiunto di aver interrotto il programma non appena ne è venuto a conoscenza.

Papa Francesco è intervenuto in difesa di von Boeselager, invitando al dialogo per risolvere la disputa e costituendo una commissione di cinque membri per chiarire le circostanze della sua estromissione.

L’Ordine ha reagito all’intervento del pontefice affermando che si tratta di una questione interna e ha poi respinto l’indagine del Vaticano ritenendola illegittima.

Le dimissioni del Gran maestro dei Cavalieri di Malta sono un evento insolito e devono essere confermate dal Sovrano consiglio. L’Ordine sarà ora guidato dal secondo in carica, il Gran commendatore, fino a quando non sarà eletto un nuovo Gran maestro.

L’Ordine di Malta è un’istituzione religiosa della chiesa cattolica sin dal 1113 ed è soggetto di diritto internazionale. Ha relazioni diplomatiche con più di cento Stati e con l’Unione europea, e ha lo status di osservatore permanente alle Nazioni Unite.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo