Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il governo turco ha detto di aver identificato il responsabile dell’attacco di Istanbul

Immagine di copertina

È la prima conferma ufficiale, offerta dal ministro degli esteri Mevlut Cavusoglu. Ieri la smentita, il kirghiso Iakhe Mashrapov non è sospettato

L’identità dell’autore della strage di capodanno a Istanbul è stata accertata. A confermarlo è il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu, intervistato dall’agenzia di stampa Anadolu mercoledì 4 gennaio 2017.

Il ministro non ha fornito il nome né altri dettagli sulla persona identificata, che risulta essere ancora in fuga. Intanto il parlamento ha votato in favore della misura per estendere per altri tre mesi lo stato di emergenza nel paese, disposto dopo il fallito golpe di luglio 2016.

Secondo l’agenzia Anadolu finora 20 persone sono state fermate nell’ambito delle indagini sulla strage nella discoteca Reina, costata la vita a 39 persone e rivendicata dall’Isis.  Dopo l’arresto di 12 persone, tra cui anche la moglie dell’attentatore, lo scorso 2 gennaio, almeno cinque presunti militanti dell’Isis che avrebbero un legame con l’attentato sarebbero stati arrestati in un’operazione della polizia turca il 4 gennaio a Smirne.

Martedì 3 gennaio è stata smentita invece la notizia per cui il presunto autore dell’attacco sarebbe il cittadino kirghiso Iakhe Mashrapov.

Un’immagine del passaporto dell’uomo era circolata su diversi media, ma Mashrapov è stato interrogato dalle autorità del Kirghizistan ed è stata stabilita la sua estraneità ai fatti. Mostrando il documento l’uomo avrebbe infatti dimostrato che non era in Turchia il giorno dell’attentato.

Il malinteso si deve probabilmente alla somiglianza del kirghizo all’uomo che compare in alcune immagini video diffuse lunedì 2 gennaio dalla polizia turca. La vera identità dell’uomo rimane al momento sconosciuta.

Intanto, sono rientrati in Italia due dei nostri cinque connazionali sopravvissuti all’attentato.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / La chef stellata: “Chi prenota al ristorante e non si presenta paga 75 euro di penale”
Esteri / Migranti, ancora tensioni Francia-Italia: “Roma apra i suoi porti alle Ong, altrimenti niente ricollocamenti”
Esteri / Putin alle madri dei soldati russi: “I vostri figli sono eroi”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La chef stellata: “Chi prenota al ristorante e non si presenta paga 75 euro di penale”
Esteri / Migranti, ancora tensioni Francia-Italia: “Roma apra i suoi porti alle Ong, altrimenti niente ricollocamenti”
Esteri / Putin alle madri dei soldati russi: “I vostri figli sono eroi”
Esteri / “Tentò di violentarmi in un camerino”: giornalista americana denuncia Trump per violenza sessuale e diffamazione
Esteri / Criticava il regime sui social, arrestato in Iran l’ex star della nazionale Voria Ghafouri
Calcio / Così il Qatar si è “comprato” i Mondiali per spacciarsi come Paese aperto e moderno
Esteri / Esclusivo TPI – Mondiali Insanguinati: ecco le condizioni disumane di lavoro degli operai che hanno costruito gli stadi in Qatar
Esteri / Armi, gas e militari: così l'Italia si inchina all'emiro del Qatar
Esteri / Usa, genitori 24enni partono per New York e lasciano il figlio di 2 anni a casa da solo
Esteri / “Macron indagato per finanziamento illecito”: la rivelazione del quotidiano Le Parisien