Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il governo romeno resta in piedi, superato il voto di sfiducia

Immagine di copertina

In parlamento la mozione che chiedeva le dimissioni del premier Grindeanu non ha raggiunto la maggioranza. Continuano le proteste di piazza contro la corruzione

Il governo romeno resta in carica nonostante le proteste popolari che dall’inizio di febbraio hanno riempito le piazze della capitale per sette giorni consecutivi. L’esecutivo di centrosinistra, guidato dal primo ministro Sorin Grindeanu, è uscito indenne dal voto di sfiducia che si è svolto l’8 febbraio in parlamento. I deputati che hanno votato sì sono stati 161, 232 i no.

Nella mozione di sfiducia i 123 firmatari avallavano la richiesta di dimissioni del premier sollevata dai manifestanti. Richiesta che Grindenau non ha mai preso in considerazione. “I romeni non vogliono che i politici corrotti vengano graziati e sottratti alla giustizia”, si legge nella mozione.

Le manifestazioni hanno raggiunto il picco il 5 febbraio, quando 250mila persone si sono radunate davanti al palazzo del Parlamento a Bucarest, dando vita alla più grande protesta dalla caduta del regime di Nicolae Ceaușescu. Sotto la pressione dei cittadini, il governo ha ritirato il contestato decreto sulla depenalizzazione dell’abuso di ufficio e di altri reati di corruzione, proponendo un disegno di legge sullo stesso argomento al dibattito parlamentare. Ma la marcia indietro non ha fermato la mozione di sfiducia avanzata dall’opposizione.

“Sono rimasto colpito dalle dimensioni della protesta”, ha detto in una intervista all’agenzia Associated Press il presidente della Repubblica Klaus Iohannis, che fin dalla prima ora si è opposto al decreto d’emergenza varato dal governo per depenalizzare i reati. Iohannis ha spiegato che l’esecutivo ha messo a punto un nuovo disegno di legge sulla corruzione, che ora sarà vagliato dal parlamento, avvertendo però che non basteranno un paio d’anni per sradicare la corruzione diffusa che ha pervaso il paese.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / La tregua a Gaza è più lontana. Hezbollah: “Soldati israeliani tentano infiltrazione in Libano”. Hamas: “Non sappiamo quanti sono gli ostaggi ancora vivi”
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Ti potrebbe interessare
Esteri / La tregua a Gaza è più lontana. Hezbollah: “Soldati israeliani tentano infiltrazione in Libano”. Hamas: “Non sappiamo quanti sono gli ostaggi ancora vivi”
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"