Covid ultime 24h
casi +13.114
deceduti +246
tamponi +170.633
terapie intensive +58

Il governo britannico esclude un secondo referendum sull’indipendenza scozzese

Per il portavoce dell'esecutivo May, Edimburgo ha già avuto la sua occasione nel 2014 e non ce ne sarà un'altra

Di TPI
Pubblicato il 27 Feb. 2017 alle 13:12 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 22:40
0
Immagine di copertina

Il governo britannico esclude un secondo referendum sull’indipendenza della Scozia. Ad annunciarlo è Greg Swift, portavoce del governo guidato da Theresa May, secondo quanto riporta da Bloomberg.

“La questione non è se ci potrebbe essere un secondo referendum, ma se ce ne dovrebbe essere uno, e la risposta è no”, ha detto lunedì 27 febbraio 2017.

*Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.*

Swift ha aggiunto che “la decisione di rimanere nel Regno Unito dal popolo scozzese è stata presa nel 2014 e al momento non ci sono segnali che facciano pensare che gli scozzesi vogliano un altro referendum”. 

“La minaccia di un referendum sta creando incertezze e divisioni”, ha concluso il portavoce di Downing Street.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.** 

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.