Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’ipotesi di una carta d’identità speciale per i cittadini Ue residenti nel Regno Unito

Immagine di copertina

I tre milioni di cittadini Ue nel Regni Unito chiedono tutele rispetto a quelli arrivati nel paese dopo Brexit: al vaglio ipotesi di velocizzare procedure per residenza

Più di tre milioni di cittadini dell’Unione europea che vivono nel Regno Unito dovranno ricevere “un qualche tipo di documento”, che attesti la loro presenza sul territorio britannico da prima della Brexit.

Lo ha annunciato il ministro dell’Interno Amber Rudd durante un’interrogazione parlamentare, anche se non è scesa nei dettagli.

L’obiettivo del governo da un lato è assicurare un rigido controllo sull’immigrazione, dall’altro venire incontro alle esigenze dei cittadini dell’Unione europea nel Regno Unito.

In questo modo i datori di lavoro e i proprietari che affittano possono distinguere i cittadini europei che vivevano nel Regno Unito prima della Brexit e quelli arrivati successivamente.

Sono almeno 100mila i cittadini europei che nel 2016 hanno fatto domanda per ottenere la residenza nel Regno Unito. In media in passato arrivavano circa 25.500 richieste ogni anno. 

I cittadini provenienti dalle 27 nazioni dell’Ue sono circa 3.9 milioni e registrarli tutti, come ha ammesso la stessa Amber Rudd sarà “un formidabile lavoro dal punto di vista logistico, burocratico, amministrativo e legale”.

Da settembre il ministero dell’Interno sta testando un programma online per velocizzare le procedure per ottenere la residenza permanente nel Regno Unito.

Infatti il sistema attuale basato sulla documentazione cartacea, che richiede tra l’altro di compilare 85 pagine di moduli, necessiterebbe con le tempistiche attuali 140 anni di lavoro per l’ufficio immigrazione.

La situazione potrebbe essere più complicata nel caso in cui venisse chiesto ai cittadini irlandesi di registrarsi come cittadini dell’Unione europea perché in Irlanda del Nord il 20 per cento della popolazione ha il passaporto irlandese.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Esteri / Strage in Texas, la rabbia del coach Nba Steve Kerr che irrompe in conferenza stampa: “Non parlerò di basket”