Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:07
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Giustiziata in piazza

Immagine di copertina

L'Isis ha ucciso un’avvocatessa per i diritti umani colpevole di aver criticato la distruzione di luoghi sacri di Mosul

Un’avvocatessa e attivista per i diritti umani e delle donne è stata giustiziata in pubblica piazza a Mosul, nel nord dell’Iraq, dopo essere stata giudicata colpevole di aver criticato la distruzione di luoghi sacri a Mosul e di aver abbandonato volontariamente l’Islam.

Samira Saleh al-Naimi, madre irachena con 3 figli, è stata presa dalle forze dell’Isis lo scorso 17 settembre e portata in una località segreta dove è stata torturata per cinque giorni.

Secondo le Nazioni Unite, l’uccisione della donna è avvenuta pubblicamente lunedì 22 settembre perché aveva condiviso su Facebook commenti critici verso lo Stato Islamico e la distruzione dei luoghi sacri storici di Mosul.

La città irachena è caduta nelle mani dell’Isis a giugno, fatto che ha causato la conversione forzata all’Islam di diversi fedeli di altre religioni. Contemporaneamente, è avvenuta la graduale distruzione dei luoghi sacri della città. Ieri l’Isis ha distrutto la “Chiesa verde” di Tikrit, uno dei luoghi più importanti per i cristiani che risale al settimo secolo.

Secondo l’Onu, nella città di Sderat che si trova vicino a Mosul, le forze dell’Isis hanno fatto irruzione nella casa di una donna candidata alle ultime elezioni comunali uccidendola e rapendo il marito. Nella stessa giornata, un’altra donna attiva in politica è stata rapita dalla sua abitazione in un quartiere a est di Mosul. È ancora dispersa.

Ieri in Iraq sono morte 164 persone e ci sono stati 133 feriti.

Ti potrebbe interessare
Esteri / "Quella maledetta esplosione ha ucciso nostra figlia e distrutto la nostra casa"
Esteri / L’Ungheria evoca l’uscita dall’Ue: “Possibile nel 2030, quando dovremo dare più di quanto riceviamo”
Esteri / A Wuhan torna l’incubo lockdown: isolato un quartiere e chiuse le scuole
Ti potrebbe interessare
Esteri / "Quella maledetta esplosione ha ucciso nostra figlia e distrutto la nostra casa"
Esteri / L’Ungheria evoca l’uscita dall’Ue: “Possibile nel 2030, quando dovremo dare più di quanto riceviamo”
Esteri / A Wuhan torna l’incubo lockdown: isolato un quartiere e chiuse le scuole
Esteri / Bielorussia, ritrovato morto impiccato il dissidente anti Lukashenko scomparso a Kiev
Esteri / I sospetti dei media Usa e inglesi sulla vittoria di Jacobs: “La storia è piena di vincitori dopati”
Esteri / Regno Unito, in autunno terza dose di vaccino per tutti: la decisione di Boris Johnson
Esteri / Vettel contro Orban: indossa la maglietta pro Lgbt. “Sostengo chi soffre, squalificatemi”
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”