Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 04:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Giustiziata in piazza

Immagine di copertina

L'Isis ha ucciso un’avvocatessa per i diritti umani colpevole di aver criticato la distruzione di luoghi sacri di Mosul

Un’avvocatessa e attivista per i diritti umani e delle donne è stata giustiziata in pubblica piazza a Mosul, nel nord dell’Iraq, dopo essere stata giudicata colpevole di aver criticato la distruzione di luoghi sacri a Mosul e di aver abbandonato volontariamente l’Islam.

Samira Saleh al-Naimi, madre irachena con 3 figli, è stata presa dalle forze dell’Isis lo scorso 17 settembre e portata in una località segreta dove è stata torturata per cinque giorni.

Secondo le Nazioni Unite, l’uccisione della donna è avvenuta pubblicamente lunedì 22 settembre perché aveva condiviso su Facebook commenti critici verso lo Stato Islamico e la distruzione dei luoghi sacri storici di Mosul.

La città irachena è caduta nelle mani dell’Isis a giugno, fatto che ha causato la conversione forzata all’Islam di diversi fedeli di altre religioni. Contemporaneamente, è avvenuta la graduale distruzione dei luoghi sacri della città. Ieri l’Isis ha distrutto la “Chiesa verde” di Tikrit, uno dei luoghi più importanti per i cristiani che risale al settimo secolo.

Secondo l’Onu, nella città di Sderat che si trova vicino a Mosul, le forze dell’Isis hanno fatto irruzione nella casa di una donna candidata alle ultime elezioni comunali uccidendola e rapendo il marito. Nella stessa giornata, un’altra donna attiva in politica è stata rapita dalla sua abitazione in un quartiere a est di Mosul. È ancora dispersa.

Ieri in Iraq sono morte 164 persone e ci sono stati 133 feriti.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Timori Usa: “Hezbollah può sopraffare difesa aerea Israele”. Media: raid su Gaza, almeno 8 morti
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Wall Street Journal: “Solo 50 ostaggi israeliani ancora in vita, 66 sarebbero morti”. Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Timori Usa: “Hezbollah può sopraffare difesa aerea Israele”. Media: raid su Gaza, almeno 8 morti
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Wall Street Journal: “Solo 50 ostaggi israeliani ancora in vita, 66 sarebbero morti”. Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”
Esteri / Netanyahu agli Usa: “Stop al blocco delle armi”. Tensioni tra Israele e Libano, approvati e validati piani operativi per un’offensiva
Esteri / Bimba si sente male in volo e muore dopo l’atterraggio d’emergenza
Esteri / Inviato Usa: “Evitare una guerra più grande tra Israele e il Libano”. Media: “Almeno 17 morti in un raid di Israele sul campo profughi di Nuseirat”
Esteri / Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra dopo l’uscita di Gantz, bombe su Gaza: almeno 6 morti
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg