Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Un giudice che si occupava dei processi contro potenti narcotrafficanti è stato ucciso in Messico

Immagine di copertina

Vicente Bermudez ha seguito i ricorsi di Joaquin "El Chapo" Guzman, capo del cartello di Sinaloa, e di Miguel Trevino, ex leader del cartello Zetas

Un giudice federale messicano che in questi anni ha presieduto i ricorsi in appello di importanti boss del narcotraffico è stato ucciso con un colpo di pistola nei pressi della sua abitazione a Metepec, in Messico, lunedì 17 ottobre 2016.

Il giudice Vicente Bermudez Zacarias, 37 anni, si è occupato di molte battaglie legali promosse dagli avvocati di Joaquin “El Chapo” Guzman, capo del cartello di Sinaloa, arrestato lo scorso gennaio, e di Miguel Trevino, ex leader del cartello Zetas.

Il presidente messicano Enrique Peña Nieto ha dichiarato in un discorso televisivo di aver chiesto al procuratore generale di indagare sull’omicidio, ma non ha fornito altre informazioni sul caso.

Il sito britannico Dailymail ha diffuso oggi il video dell’esecuzione del magistrato. Il killer si è avvicinato a Bermudez da dietro mentre faceva jogging e gli ha sparato alla testa.

Dallo scorso marzo, Bermudez lavorava come giudice nello stato federale del Messico, appena fuori dalla capitale, dove si trova il carcere di massima sicurezza di Altiplano.

Proprio in quella struttura è al momento detenuto Miguel Trevino. El Chapo è invece stato trasferito lo scorso maggio da Altiplano alla prigione di Ciudad Juárez, lungo il confine con il Texas, in attesa di essere estradato negli Stati Uniti.

Gli avvocati di Guzman hanno presentato numerosi ricorsi contro l’estradizione, ma i funzionari governativi hanno detto che è probabile che il narcotrafficante venga inviato negli Stati Uniti entro l’inizio del 2017.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un uomo è sopravvissuto dopo aver viaggiato per 10 ore nel carrello di un aereo partito dal Sudafrica
Esteri / Usa ordinano alle famiglie dei diplomatici di lasciare l’Ucraina. Sconsigliano viaggi anche in Russia
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un uomo è sopravvissuto dopo aver viaggiato per 10 ore nel carrello di un aereo partito dal Sudafrica
Esteri / Usa ordinano alle famiglie dei diplomatici di lasciare l’Ucraina. Sconsigliano viaggi anche in Russia
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Esteri / L’Ucraina accusa la Russia: “Ha aumentato le forniture militari a separatisti”
Esteri / L’Austria approva l’obbligo vaccinale: è il primo Paese in Europa
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi