Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Due giornalisti di Report sono stati liberati dopo l’arresto in Congo

Immagine di copertina

Luca Chianca e Paolo Palermo erano stati fermati il 15 marzo mentre conducevano un'inchiesta su una tangente Eni in Nigeria

Due giornalisti della trasmissione di Rai 3 Report sono stati liberati il 20 marzo 2017 dopo essere stati fermati in Congo. Luca Chianca e Paolo Palermo erano stati trattenuti nel paese africano dove stavano indagando sullo sfruttamento del giacimento “Opl245” in Nigeria e su una presunta tangente Eni. 

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

I dettagli della vicenda sono stati resi noti sul sito della trasmissione. Le autorità non avevano comunicato la notizia del fermo che era avvenuto il 15 marzo per non influire negativamente sull’attività della diplomazia italiana.

I servizi di sicurezza del Congo hanno arrestato i due giornalisti a Pointe-Noire mentre si trovavano in albergo, dopo una loro intervista a un imprenditore italiano, Fabio Ottonello. Chianca e Palermo sono stati accusati di essere sprovvisti del visto per i giornalisti. 

Gli inviati di report non sono riusciti a salvare il materiale video dell’intervista perché la trasmissione si è interrotta per un blocco della connessione internet. “I due giornalisti sono stati trasportati nel palazzo della Direction de la Surveillance du Territoire, dove sono stati segregati per tre giorni e due notti, seduti su una sedia di plastica, in una stanza di due metri quadrati invasa dagli insetti”, si legge sul sito di Report. 

I due inviati sono arrivati alle 4.30 del 20 marzo all’aeroporto di Fiumicino. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata


Ti potrebbe interessare
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Wall Street Journal: “Solo 50 ostaggi israeliani ancora in vita, 66 sarebbero morti”. Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”
Esteri / Netanyahu agli Usa: “Stop al blocco delle armi”. Tensioni tra Israele e Libano, approvati e validati piani operativi per un’offensiva
Ti potrebbe interessare
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Wall Street Journal: “Solo 50 ostaggi israeliani ancora in vita, 66 sarebbero morti”. Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”
Esteri / Netanyahu agli Usa: “Stop al blocco delle armi”. Tensioni tra Israele e Libano, approvati e validati piani operativi per un’offensiva
Esteri / Bimba si sente male in volo e muore dopo l’atterraggio d’emergenza
Esteri / Inviato Usa: “Evitare una guerra più grande tra Israele e il Libano”. Media: “Almeno 17 morti in un raid di Israele sul campo profughi di Nuseirat”
Esteri / Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra dopo l’uscita di Gantz, bombe su Gaza: almeno 6 morti
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel