Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:17
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Giornalisti e attivisti sono stati spiati dai governi “autoritari” con il software Pegasus

Immagine di copertina

Avvocati per i diritti umani, giornalisti, attivisti e dissidenti in tutto il mondo sono finiti nel mirino di alcuni governi che puntavano a spiarli tramite i loro telefoni cellulari grazie a un software venduto dalla società israeliana NSO Group e chiamato Pegasus. A rivelarlo è un’inchiesta condotta dal Washington Post e altre 16 testate internazionali, tra cui anche il Guardian.

L’inchiesta ha evidenziato che i numeri di queste persone sono comparsi in una fuga di dati telefonici, e ciò indica che sono stati selezionati con l’obiettivo di diventare oggetto di sorveglianza da parte dei clienti governativi della società israeliana. Questa ha dichiarato più volte che il software Pegasus, che può accedere a tutti i dati sul dispositivo di un bersaglio e trasformarlo in un registratore audio o video, è pensato per l’uso solo contro terroristi e criminali.

Nel mirino dei governi, tuttavia, sono finiti anche giornalisti e attivisti. In particolare, il software israeliano sarebbe stato usato dall’Arabia Saudita e dagli Emirati Arabi Uniti per prendere di mira i cellulari di alcune persone vicine a Jamal Kashoggi, il giornalista del Washington Post ucciso e fatto sparire. Ma anche dal governo ungherese di Victor Orban, che avrebbe usato la tecnologia sviluppata da NSO nell’ambito della sua guerra ai media.

La lista dei numeri di telefono segnalati dall’inchiesta su Pegasus include più di 50mila numeri. L’elenco non identifica chi ha ha deciso l’inserimento dei numeri di telefono o perché, e non è chiaro neanche quanti siano stati i cellulari presi nel mirino o spiati. Fra i numeri identificati finora dall’inchiesta ci sarebbero quelli di diversi capi di stato e premier. Nell’elenco, datato 2016, ci sono poi reporter di varie testate internazionali tra le quali Cnn, New York Times, Wall Street Journal, Financial Times, Voice of America e Al Jazeera.

Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Ungheria evoca l’uscita dall’Ue: “Possibile nel 2030, quando dovremo dare più di quanto riceviamo”
Esteri / A Wuhan torna l’incubo lockdown: isolato un quartiere e chiuse le scuole
Esteri / Bielorussia, ritrovato morto impiccato il dissidente anti Lukashenko scomparso a Kiev
Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Ungheria evoca l’uscita dall’Ue: “Possibile nel 2030, quando dovremo dare più di quanto riceviamo”
Esteri / A Wuhan torna l’incubo lockdown: isolato un quartiere e chiuse le scuole
Esteri / Bielorussia, ritrovato morto impiccato il dissidente anti Lukashenko scomparso a Kiev
Esteri / I sospetti dei media Usa e inglesi sulla vittoria di Jacobs: “La storia è piena di vincitori dopati”
Esteri / Regno Unito, in autunno terza dose di vaccino per tutti: la decisione di Boris Johnson
Esteri / Vettel contro Orban: indossa la maglietta pro Lgbt. “Sostengo chi soffre, squalificatemi”
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Esteri / Teologo musulmano critica i completi delle pallavoliste turche: “Siete sultani della fede, non dello sport”