Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:02
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Giornalisti e attivisti sono stati spiati dai governi “autoritari” con il software Pegasus

Immagine di copertina

Avvocati per i diritti umani, giornalisti, attivisti e dissidenti in tutto il mondo sono finiti nel mirino di alcuni governi che puntavano a spiarli tramite i loro telefoni cellulari grazie a un software venduto dalla società israeliana NSO Group e chiamato Pegasus. A rivelarlo è un’inchiesta condotta dal Washington Post e altre 16 testate internazionali, tra cui anche il Guardian.

L’inchiesta ha evidenziato che i numeri di queste persone sono comparsi in una fuga di dati telefonici, e ciò indica che sono stati selezionati con l’obiettivo di diventare oggetto di sorveglianza da parte dei clienti governativi della società israeliana. Questa ha dichiarato più volte che il software Pegasus, che può accedere a tutti i dati sul dispositivo di un bersaglio e trasformarlo in un registratore audio o video, è pensato per l’uso solo contro terroristi e criminali.

Nel mirino dei governi, tuttavia, sono finiti anche giornalisti e attivisti. In particolare, il software israeliano sarebbe stato usato dall’Arabia Saudita e dagli Emirati Arabi Uniti per prendere di mira i cellulari di alcune persone vicine a Jamal Kashoggi, il giornalista del Washington Post ucciso e fatto sparire. Ma anche dal governo ungherese di Victor Orban, che avrebbe usato la tecnologia sviluppata da NSO nell’ambito della sua guerra ai media.

La lista dei numeri di telefono segnalati dall’inchiesta su Pegasus include più di 50mila numeri. L’elenco non identifica chi ha ha deciso l’inserimento dei numeri di telefono o perché, e non è chiaro neanche quanti siano stati i cellulari presi nel mirino o spiati. Fra i numeri identificati finora dall’inchiesta ci sarebbero quelli di diversi capi di stato e premier. Nell’elenco, datato 2016, ci sono poi reporter di varie testate internazionali tra le quali Cnn, New York Times, Wall Street Journal, Financial Times, Voice of America e Al Jazeera.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Qatar, un alto dirigente ammette che i lavoratori morti per preparare i Mondiali sono stati “tra i 400 e i 500”
Esteri / “Diritti tutelati dalla legge”: la Cina si difende dalle accuse di repressione del dissenso per le politiche anti-Covid
Esteri / Iran, 16enne uccisa perché indossava un cappello da baseball al posto dell’hijab
Ti potrebbe interessare
Esteri / Qatar, un alto dirigente ammette che i lavoratori morti per preparare i Mondiali sono stati “tra i 400 e i 500”
Esteri / “Diritti tutelati dalla legge”: la Cina si difende dalle accuse di repressione del dissenso per le politiche anti-Covid
Esteri / Iran, 16enne uccisa perché indossava un cappello da baseball al posto dell’hijab
Esteri / Mondiali, famiglie dei calciatori dell’Iran minacciate: “Violenze e torture se manifesteranno ancora contro il regime”
Esteri / Va dall'oculista per un banale controllo agli occhiali e torna a casa cieco
Esteri / Wikileaks, Lula chiede la liberazione di Assange: “Che crimine ha commesso?”
Esteri / Patrick Zaki, udienza aggiornata al 28 febbraio. Gli attivisti: “Memoria difensiva inascoltata”
Esteri / Ucraina, Kiev ripiomba nel buio: “Possiamo garantire la corrente massimo 6 ore al giorno”
Esteri / Un cane ha ucciso il padrone 32enne: ha premuto il grilletto di un fucile carico
Esteri / Assange, cinque grandi giornali del mondo fanno appello a Biden: “Fai cadere le accuse”