Covid ultime 24h
casi +23.232
deceduti +853
tamponi +188.659
terapie intensive +6

Il principale partito giapponese d’opposizione ha eletto un leader donna per la prima volta

Renho Murata è una delle tre donne che negli ultimi due mesi hanno ottenuto posizioni di primo piano sulla scena politica del paese

Di TPI
Pubblicato il 15 Set. 2016 alle 16:52 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 16:25
0
Immagine di copertina

Per la prima volta nella storia del Giappone, nazione in cui storicamente sono quasi sempre gli uomini a ricoprire gli incarichi dirigenziali, uno dei principali partiti del paese ha scelto una donna come leader.

Renho Murata, 48 anni, ex conduttrice del telegiornale, ha infatti ottenuto la guida del principale partito d’opposizione, la formazione di centrosinistra Partito democratico, battendo altri due concorrenti.

Murata ha dichiarato che la sua priorità sarà proporre un partito che rappresenti un’alternativa credibile alla formazione Liberal-democratica, che attualmente domina entrambe le camere parlamentari grazie a una coalizione con partiti minori.

“Abbiamo di fronte un enorme partito di governo. Vorrei invitare tutti a unirsi a me nella creazione di un partito che non sia capace solo di criticare ma anche di fare delle proposte, così che un giorno saremo la scelta del Giappone”, ha detto Murata dopo l’elezione.

Inoltre, la leader di sinistra ha promesso di impegnarsi perché il carattere pacifista della costituzione giapponese non venga alterato, in un momento in cui il primo ministro Shinzo Abe sembra intenzionato a usare la sua larga maggioranza per rovesciare il carattere strettamente difensivo delle forze armate del paese.

L’ex indossatrice di costumi da bagno, ex giornalista ed ex anchor è entrata in parlamento nel 2004 e si è candidata alla guida del partito dopo che il predecessore, Katsuya Okada, si è dimesso.

Poco prima l’elezione a leader di partito, Murata era stata coinvolta in un piccolo scandalo quando aveva ammesso di avere la doppia cittadinanza giapponese e taiwanese, ereditata dal padre, nonostante avesse in precedenza dichiarato di aver rinunciato alla seconda.

Per il diritto giapponese, i possessori di doppia cittadinanza devono rinunciare a una delle due entro i 22 anni, ma non farlo non costituisce reato.

Murata ha chiarito che intende rinunciare definitivamente alla cittadinanza taiwanese, ma i suoi oppositori non mancheranno di strumentalizzare la piccola débâcle e mettere in discussione la sua lealtà verso il Giappone, soprattutto in materia di politica estera.

Le donne sulla scena politica giapponese

Nonostante la cultura giapponese riservi alle donne un ruolo subordinato, la nuova leader del partito Democratico è la terza signora a ottenere un ruolo politico di rilievo nel corso degli ultimi mesi.

L’attuale governatore di Tokyo è infatti Yuriko Koike, eletta a luglio, mentre il nuovo ministro della Difesa nipponico è Tomomi Inada, che molti già vedono come futuro primo ministro.

Tuttavia, le donne restano drammaticamente sottorappresentate. Nella camera bassa, le donne rappresentano solo il 10 per cento dei parlamentari, mentre nella camera bassa sono il 20 per cento.

Tra i 20 ministri del governo di destra guidato da Abe, ci sono solo tre donne, e la promessa del premier che il 30 per cento dei ruoli dirigenziali nei settori pubblico e privato sarebbe stato assegnato alle donne entro il 2020 è destinata quasi certamente a non essere mantenuta.

–Leggi anche: Quali sono i paesi in cui le donne sono più rappresentate in parlamento?

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.