Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La Germania ha cancellato un incontro con le autorità israeliane

Immagine di copertina

Fonti tedesche riferiscono che Berlino ritiene inutile parlare con le controparti israeliane dopo l'accelerazione sugli insediamenti in Cisgiordania

La Germania ha deciso di cancellare un incontro con le autorità israeliane che avrebbe dovuto avere luogo a maggio, a causa del disappunto di Berlino riguardo le attività d’insediamento nei territori palestinesi occupati della Cisgiordania.

Un portavoce tedesco ha reso noto che i due governi hanno stabilito di “rimandare” l’incontro al prossimo anno a causa di un’agenda troppo fitta di appuntamenti dovuta al turno della Germania alla presidenza del G20. Un rappresentante israeliano ha confermato che la sessione è stata cancellata a causa di problemi organizzativi sul lato berlinese.

Ma alcuni funzionari tedeschi hanno riferito, in condizioni d’anonimato, che la ragione reale potrebbe essere la distanza abissale che si è venuta a creare tra i due paesi circa la pace in Medio Oriente, tale da rendere l’incontro privo di significato. “I nostri rapporti si sono ridotti considerevolmente. Abbiamo praticamente rinunciato alle speranze di fare progressi nell’ambiente attuale”, ha dichiarato uno di loro riferendosi al governo guidato dal primo ministro Benjamin Netanyahu.

Dalla fine della Seconda guerra mondiale, tutti i governi tedeschi hanno tenuto a mantenere relazioni forti con Israele, in parte per fare ammenda dopo la tragedia dell’olocausto nazista. Ma le relazioni tra Berlino e Tel Aviv si sono andate deteriorando perché la Germania dubita della serietà dell’impegno di Netanyahu verso la soluzione dei due stati al conflitto israelo-palestinese.

Dall’insediamento di Trump alla Casa Bianca il 20 gennaio, il governo israeliano ha autorizzato la costruzione di oltre 6.000 abitazioni per i coloni ebrei negli insediamenti nei territori palestinesi occupati in Cisgiordania e Gerusalemme est, forte delle manifestazioni di amicizia arrivate dalla nuova amministrazione americana.

La gran parte della comunità internazionale ritiene che gli insediamenti israeliani nei territori palestinesi occupati siano illegali e che rappresentino un grave ostacolo al processo di pace, poiché frammentano l’area destinata a un futuro stato della Palestina.

Particolarmente spinosa la questione di Gerusalemme che Israele considera la sua capitale eterna. Gran parte della comunità internazionale riconosce Tel Aviv come capitale dello stato ebraico, mentre per i palestinesi Gerusalemme est sarà la capitale del futuro stato della Palestina. 

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza, al-Jazeera: "Recuperati 73 corpi da altre tre fosse comuni a Khan Younis". Oic denuncia "crimini contro l'umanità". Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Macron chiede a Netanyahu "un cessate il fuoco immediato e duraturo". Erdogan: "Evitare escalation". Usa: "Nessuna sanzione per unità Idf, solo divieto di ricevere aiuti"
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini
Esteri / Influenza aviaria, la preoccupazione dell’Oms per la trasmissione tra umani
Esteri / Media: “Hamas valuta l’ipotesi di lasciare il Qatar”. Bombardata in Iraq una base filo-iraniana
Esteri / Israele ha lanciato un attacco contro l’Iran: colpita una base militare a Isfahan. Media: “Teheran non pianifica una ritorsione immediata”. Blinken: "Usa non coinvolti"
Esteri / Germania, arrestate due spie russe che preparavano sabotaggi
Esteri / Brasile, porta il cadavere dello zio in banca per fargli firmare un prestito: arrestata