Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:43
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Gentiloni contro le resistenze alle relocation di migranti in Europa

Immagine di copertina
Credit: Afp

Secondo il presidente del Consiglio italiano sulla crisi migratoria è stato fatto “un passo avanti soprattutto sulla dimensione esterna”

Il presidente del Consiglio italiano Paolo Gentiloni, in questi giorni a Bruxelles per il vertice Ue, ha rivelato che l’Europa non è disposta a considerare “relocation di migranti” per superare le resistenze di Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria, i paesi del gruppo di Visegrad, che “rifiutano la decisione di obbligatorietà delle quote”.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

“La speranza è che i successi nella lotta al traffico di migranti, e quindi la riduzione dei flussi irregolari, renda il clima sulla discussione delle regole interne più semplice”, ha spiegato Gentiloni.

Secondo il presidente del Consiglio, infatti, senza la “pressione di centinaia di migliaia di migranti irregolare e ingovernata, è forse più facile convincere quelli che pensano di risolvere tutto con i muri che bisogna collaborare con le relocation tra paese e paese”.

Nonostante siano ancora numerose le questioni da superare, Gentiloni crede che sulla migrazione sia stato fatto “un passo avanti soprattutto sulla dimensione esterna”.

“L’iniziativa italiana di quest’anno è stata apprezzata in modo molto rilevante, ed è importante che lo sia da leader dei governi dei più diversi orientamenti e famiglie politiche. C’è un riconoscimento unanime dei passi fatti per la lotta contro i trafficanti di esseri umani”.

Gentiloni si è infine detto molto soddisfatto per la gestione dei rimpatri volontari assistiti dalla Libia verso altri paesi africani: “In questi giorni partono tra le 600 e le 800 persone al giorno, con voli charter di rimpatri assistiti: è esattamente il meccanismo virtuoso che dobbiamo sviluppare”.

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Drone russo sgancia una granata dentro a un bicchiere di plastica | VIDEO
Cronaca / Mosca convoca l’ambasciatore italiano: 24 diplomatici espulsi dalla Russia
Esteri / Al Congresso Usa si è tenuta la prima audizione sugli Ufo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Drone russo sgancia una granata dentro a un bicchiere di plastica | VIDEO
Cronaca / Mosca convoca l’ambasciatore italiano: 24 diplomatici espulsi dalla Russia
Esteri / Al Congresso Usa si è tenuta la prima audizione sugli Ufo
Esteri / Aereo caduto in Cina, le scatole nere: "È stato fatto precipitare volontariamente"
Esteri / Guerra in Ucraina, Finlandia e Svezia consegnano la domanda di adesione alla Nato. Draghi: "Appoggio convinto dell'Italia"
Esteri / L’”orbanizzazione” degli Stati Uniti: perché la destra americana guarda sempre più al leader ungherese
Esteri / Goldman Sachs offre ferie illimitate ai dipendenti senior per “riposarsi e ricaricarsi”
Esteri / I soldati ucraini lasciano l’acciaieria di Azovstal dopo settimane di assedio | VIDEO
Esteri / Amber Heard: “Johnny Depp mi ha quasi ucciso sull’Orient Express”
Esteri / Gran Bretagna, visto speciale agli studenti laureati in Università meritevoli: atenei italiani esclusi dalla lista