Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:54
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Francia, Sarkozy rinviato a giudizio per corruzione

Immagine di copertina
Nicolas Sarkozy è stato presidente della Francia dal 2008ì7 al 2012. Credit: Afp.

I fatti risalgono al 2014: secondo l'accusa, l'ex presidente cercò di ottenere illecitamente informazioni su un'inchiesta che lo riguardava

L’ex presidente della Francia, Nicolas Sarkozy, è stato rinviato a giudizio il 29 marzo 2018 per i reati di corruzione e traffico di influenze nell’ambito del cosiddetto “scandalo intercettazioni”. Lo riferisce il quotidiano francese Le Monde.

L’ex presidente dovrà quindi affrontare il processo. I fatti risalgono al 2014: secondo l’accusa, Sarkozy, tramite il suo avvocato Thierry Herzog, cercò di ottenere informazioni segrete da Gilbert Azibert, allora magistrato alla Corte di cassazione, che stava indagando su sospetti finanziamenti illeciti alla sua campagna elettorale.

Anche Herzog e Azibert sono stati rinviati a giudizio.

Sarkozy, in particolare, tramite il suo legale, tentò di ottenere la restituzione delle sue agende, che erano state sequestrate nell’ambito delle indagini sul presunto finanziamento illecito alla sua campagna da parte dell’imprenditrice Liliane Bettencourt, ricca ereditiera del gruppo di cosmesi L’Oreal.

L’ex presidente fu accusato di circonvenzione di incapace per aver chiesto denaro per la sua campagna alla donna, all’epoca 90enne e già dichiarata incapace di intendere e volere. Le accuse successivamente fu lasciata cadere dai giudici.

Nel formulare le sue accuse lo scorso ottobre il Parquet national financier, organo giudiziario istituto nele incaricato appositamente di seguire i maggiori reati di stamp economico e finanziario, aveva riferito di “pesanti e concordanti prove nei confronti di Sarkozy, Herzog e Azibert”.

Si tratta di un procedimento diverso da quello che il 20 marzo 2018 ha visto l’ex presidente tenuto per due giorni in stato di fermo dalla polizia di Nanterre, banlieue di Parigi.

In quel caso Sarkozy risulta indagato per presunti finanziamenti illeciti dalla Libia relativi alla campagna elettorale francese del 2007.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Se l’Europa vuole tenere testa a Usa, Russia e Cina deve dotarsi del Nucleare”: il realismo preventivo di Massimo Fini
Esteri / Mascherina all’aperto, quali sono i Paesi in Europa che hanno già tolto l’obbligo
Esteri / Vaccino unico per Covid e influenza: il via già in autunno
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Se l’Europa vuole tenere testa a Usa, Russia e Cina deve dotarsi del Nucleare”: il realismo preventivo di Massimo Fini
Esteri / Mascherina all’aperto, quali sono i Paesi in Europa che hanno già tolto l’obbligo
Esteri / Vaccino unico per Covid e influenza: il via già in autunno
Esteri / Usa, la sfida dei vescovi cattolici: approvato documento per vietare la comunione a Biden
Esteri / Iran, vince al primo turno l'ultraconservatore Ebrahim Raisi
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Esteri / Usa, il concerto di Bruce Springsteen è vietato a chi si è vaccinato con AstraZeneca
Esteri / Juneteenth, il giorno per ricordare la fine della schiavitù dei neri, diventa festa federale negli Usa