Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La Francia blocca l’esportazione dell’opera di Cimabue “Cristo deriso”. “È un tesoro nazionale, andrà al Louvre di Parigi”

Immagine di copertina

Le autorità francesi hanno 30 mesi di tempo per trovare i fondi necessari per riacquistare il dipinto, venduto all'asta lo scorso novembre per la cifra record di 24 milioni di euro

La Francia blocca l’esportazione dell’opera di Cimabue “Cristo deriso”

Il “Cristo deriso”, opera del pittore italiano Cimabue, non tornerà in Italia né tantomeno andrà a chi lo aveva acquistato tramite un’asta: la Francia, infatti, ha deciso di bloccarne l’esportazione classificandolo come “tesoro nazionale”.

Il dipinto ha una storia molto particolare. Per anni, infatti, il quadro è rimasto appeso sopra i fornelli della cucina di un’anziana signora di Compiegne, a nord di Parigi.

Ritrovato un Cimabue, una donna lo aveva in cucina a sua insaputa

La donna pensava si trattasse di una semplice icona, ma si è dovuta ricredere quando nel settembre del 2019 il responsabile di una casa d’aste, che si era recato nell’appartamento della signora per valutarne il mobilio, lo ha notato.

Successivamente, il quadro è stato analizzato nei laboratori del famoso critico d’arte Eric Turquin, il quale ha attribuito l’opera a Cimabue.

Secondo gli esperti, il piccolo dipinto (26×20) faceva parte di un dittico del 1280 che aveva 8 pannelli simili di scene legate alla Passione di Cristo. Le altre immagini sono già conosciute: la Flagellazione di Cristo, conservato alla Frick Collection di New York e la Vergine col bambino in Trono che si trova invece alla National Gallery di Londra.

Il “Cristo deriso”, poi, lo scorso novembre è stato acquistato all’asta da anonimi collezionisti Usa per 24,2 milioni di euro.

Un affare ora bloccato dal governo francese che, come rivelato dal The Guardian, ha deciso di bloccare l’esportazione dell’opera di Cimabue.

Le autorità, infatti, hanno classificato il dipinto come “tesoro nazionale”: ora, per legge, i francesi hanno 30 mesi di tempo per trovare i fondi necessari per riacquistare il quadro.

L’intenzione del ministro della Cultura transalpino è quello di esporre il quadro nel museo del Louvre di Parigi, dove si trova già la “Maestà” del pittore italiano.

Il provvedimento, secondo il ministro Franck Riesterci, “Ci dà il tempo per mobilitare tutti gli sforzi volti a far restare quest’opera eccezionale nelle nostre collezioni nazionali”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Furto a luci rosse in Spagna: rubati sex toys placcati in oro 24 carati
Esteri / Il Brasile ha affondato nell’oceano una vecchia portaerei piena di amianto e rifiuti tossici
Esteri / Bobi è il cane più vecchio del mondo: ha 30 anni
Ti potrebbe interessare
Esteri / Furto a luci rosse in Spagna: rubati sex toys placcati in oro 24 carati
Esteri / Il Brasile ha affondato nell’oceano una vecchia portaerei piena di amianto e rifiuti tossici
Esteri / Bobi è il cane più vecchio del mondo: ha 30 anni
Esteri / La figlia di Madonna, Lourdes Leon Ciccone, è stata cacciata dalla sfilata di Marc Jacobs
Esteri / Guerra in Ucraina, Medvedev: “Useremo nucleare se Kiev colpisce regioni russe”
Esteri / Pentagono: un altro pallone-spia cinese, sull’America Latina
Esteri / Stati Uniti, la credevano morta ma lei si sveglia: era in un sacco per cadaveri
Esteri / Il Pallone “spia” cinese diventa un caso: il segretario di Stato Usa Blinken rinvia il viaggio a Pechino
Esteri / Irlanda, l’etichetta sul vino “nuoce alla salute” arriverà in 2-3 mesi
Esteri / Voleva uccidere la regina Elisabetta, si dichiara colpevole di tradimento