Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Le opere dell’unica artista italiana che parteciperà al Burning Man Festival 2017

Immagine di copertina
Credit: Reuters

Francesca NINI Carbonini è un'illustratrice italiana nata a Milano ed è presente alla manifestazione in corso in Nevada con la propria mostra Kafka 9.0

Dal 27 agosto al 4 settembre a Black Rock City nel Deserto del Nevada è in corso il Burning Man Festival, dedicato “alla comunità, all’arte, all’espressione personale e all’autosufficienza”.

L’unica artista italiana invitata dagli organizzatori della manifestazione che ogni anno si conclude in occasione della festività statunitense del Labor Day è Francesca NINI Carbonini.

L’artista milanese presenta la propria mostra Kafka 9.0, una serie di 10 dipinti in cui l’illustratrice mette in scena “l’alchimia come motore del cambiamento”.

Non è la prima volta che NINI partecipa la Burning Man Festival, aveva infatti già messo in mostra le proprie opere nella città di Black Rock nell’edizione del 2014.

Due sono gli elementi che emergono dai dipinti dell’artista milanese, un uomo, a simboleggiare il genere umano in tutta la sua forza e aggressività, e un uccello, allegoria della libertà.

Kafka 9.0 è infatti un racconto della metamorfosi che trasforma l’uomo in volatile e il volatile in uomo. Da una forma all’altra emerge la consapevolezza di sé dell’essere umano, proprio come il protagonista de Le Metamorfosi dello scrittore praghese prende coscienza della propria vera natura solo dopo essersi trasformato in un animale.

Il Burning Man Festival è stato organizzato per la prima volta nel 1986, quando Larry Harvey e Jerry James, i fondatori del festival, festeggiavano il solstizio d’estate bruciando un pupazzo di legno alto di circa 3 metri sulla Baker Beach di San Francisco.

Dal 1991 però questa manifestazione si tiene nel deserto del Nevada, in una località che viene popolata e poi abbandonata proprio in occasione di questo evento annuale.

Ogni anno i partecipanti si attrezzano con materiali da campeggio, batterie elettriche e tutto il necessario alla sopravvivenza e costituiscono una vera e propria città, ribattezzata Black Rock City. Qui i cellulari non funzionano e la temperatura raggiunge di giorno i 40° centigradi.

Gli organizzatori sconsigliano la partecipazione dei bambini. La manifestazione è un’occasione di esibizione per diversi artisti e gruppi musicali o teatrali che desiderino intrattenere i presenti.

Il nome del festival deriva dal rituale dell’incendio di un fantoccio di legno. A Black Rock City non esistono nemmeno transazioni in denaro, il baratto è l’unica forma di scambio concessa infatti.

Una particolarità di questa manifestazione poi è che non lascia alcuna traccia di sé. Le foto satellitari della zona infatti, complici anche le folate di vento che trasportano sabbia nel deserto, cancellano la “città”, fino al ritorno dei suoi provvisori abitanti l’anno successivo.

La manifestazione si forma su “dieci principi” stilati dal co-fondatore del festival Larry Harvey nel 2004. Queste linee guida sono il riflesso della filosofia e della cultura della comunità come si era organicamente sviluppata alle sue origini.

Questi principi sono: inclusione radicale, dono, demercificazione, autosufficienza radicale, autoespressione radicale, sforzo comune, responsabilità civica, non lasciare alcuna traccia, partecipazione, immediatezza.

Per rispettare una di queste regole – “non lasciare alcuna traccia” – alla conclusione del festival, una squadra incaricata di pulire il tutto, la Play restoration crew, per circa un mese setaccerà l’area dove in questi giorni si è formata l’immensa città, per eliminare qualsiasi prova del passaggio delle migliaia di partecipanti.

https://www.tpi.it/esteri/burning-man-festival-cosa-quando-dove/

https://www.tpi.it/esteri/il-burning-man-visto-da-un-drone/

Intervista alla fondatrice del Burning Man

https://www.tpi.it/esteri/il-burning-man-in-timelapse/

Ti potrebbe interessare
Esteri / Centrale nucleare di Zaporizhzhia, Putin firma il decreto: “È di proprietà russa”
Esteri / La grande fuga dalla Russia di Putin: “Non moriremo per Vlad il matto”
Esteri / Cremlino: “Gli Stati Uniti sono coinvolti direttamente nel conflitto, situazione estremamente pericolosa”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Centrale nucleare di Zaporizhzhia, Putin firma il decreto: “È di proprietà russa”
Esteri / La grande fuga dalla Russia di Putin: “Non moriremo per Vlad il matto”
Esteri / Cremlino: “Gli Stati Uniti sono coinvolti direttamente nel conflitto, situazione estremamente pericolosa”
Esteri / La Slovenia legalizza matrimonio ed adozione per le coppie omosessuali
Esteri / Approvato nuovo pacchetto di sanzioni Ue alla Russia, incluso price cap al petrolio
Esteri / Gas dalla Russia all’Italia: ripresi i flussi attraverso l’Austria
Esteri / La gaffe del generale russo: per errore svela sulla mappa l’avanzata della controffensiva ucraina
Esteri / Von Der Leyen: “Pronti a discutere un tetto al prezzo del gas utilizzato per generare elettricità”
Esteri / Guerra in Ucraina, camera delle torture a Pisky-Radkivski: rinvenuti denti d’oro. Le foto shock
Esteri / Corea del Sud, esercitazioni con gli Usa: lanciati 4 missili sul Mar del Giappone. Uno si schianta al suolo