Covid ultime 24h
casi +15.199
deceduti +127
tamponi +177.848
terapie intensive +56

La foto della coppia in overdose che ha fatto il giro del mondo

La foto è stata diffusa il 10 settembre 2016 dalla polizia dell'Ohio per sensibilizzare l'opinione pubblica sul problema delle droghe

Di TPI
Pubblicato il 10 Set. 2016 alle 12:55 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:42
0
Immagine di copertina

Il 10 settembre 2016, la polizia dell’Ohio ha rilasciato una scioccante fotografia che ritrae una coppia in preda a una crisi da overdose di eroina in un’automobile con un bambino di quattro anni sul sedile posteriore. La foto ha già fatto il giro del mondo.

Rhonda P., 50, e James A., 47, sono stati accusati di aver messo in pericolo il bambino dopo aver perso i sensi in macchina, a East Liverpool.

Il figlio di Pasek, è stato preso in custodia dai servizi sociali della contea.

Le Autorità hanno detto di aver rilasciato l’immagine per sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema dell’eroina, nello stato del Midwest.

I funzionari hanno scritto su Facebook: “Sentiamo la necessità di mostrare l’altro lato di questa orribile droga. Abbiamo bisogno di essere una voce per i bambini coinvolti in questo orribile disastro. Questo bambino non può parlare per se stesso, ma siamo fiduciosi che la sua storia può convincere qualcun altro a pensarci due volte prima di iniettarsi questo veleno, avendo un bambino sotto la propria custodia. Siamo consapevoli del fatto che alcuni potranno essere turbati da queste immagini”.

La coppia è stata arrestata dopo essere stata fermata da un poliziotto che si era accorto della guida irregolare dell’auto su cui viaggiavano, dal momento che l’uomo alla guida stava lentamente perdendo i sensi. La donna aveva già perso i sensi in precedenza, era per questo che l’uomo la stava accompagnando in ospedale.

I paramedici sono stati chiamati immediatamente per somministrare farmaci anti-overdose alla coppia. I due sono stati portati in ospedale e successivamente in tribunale.

La foto diffusa di Facebook:

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.