Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La foto di gruppo con cui i calciatori di Messico e Stati Uniti hanno detto no alle divisioni

Immagine di copertina

Si è disputata venerdì sera a Columbus, in Ohio, la partita tra le nazionali dei due paesi confinanti, e che ha visto un messaggio spontaneo di unione e solidarietà

Le nazionali di calcio di Stati Uniti e Messico si sono
incontrate nella sera di venerdì 11 novembre allo stadio Mapfre di Columbus,
Ohio, per una partita di qualificazione per i prossimi mondiali che si è
conclusa col punteggio di 2-1 in favore della squadra messicana.

Quello che però ha attirato l’attenzione dei commentatori
non è stato tanto il risultato calcistico, quando un gesto che ha visto
coinvolti tutti i calciatori delle due squadre prima ancora del fischio
d’inizio.

I due schieramenti avevano infatti scattato le rispettive foto
di gruppo separatamente, come da convenzione, ma inaspettatamente i due gruppi
di giocatori si sono poi uniti e mischiati per una foto unica, che molti hanno
interpretato come un ‘muro’ di unità in contrasto a quello promesso tra i due
paesi dal neo-eletto presidente Trump.

Com’è noto, infatti, durante la sua campagna elettorale il
magnate statunitense si è impegnato a costruire un muro lungo il confine tra i
due paesi con lo scopo di frenare l’immigrazione dal Messico verso gli Stati
Uniti, arrivando anche a definire i messicani come “stupratori” e
“assassini”.

Secondo quanto riportato da Sports Illustrated e altri organi di stampa, Oribe Peralta, attaccante
del Messico, ha poi evidenziato il sottotesto politico del gesto, twittando
dopo la partita insieme alla foto di gruppo: “No hay muro que nos detenga“, traducibile come: “Non c’è
muro che ci può fermare”. Il tweet non è al momento visibile sull’account
del giocatore.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Aborto, negli Stati Uniti stop in 66 cliniche dopo la sentenza della Corte Suprema
Esteri / Barboncino salta sul telecomando e compra accidentalmente 70 dollari di film per adulti
Esteri / Vladimir Kara-Murza, l’oppositore di Putin incarcerato e accusato di “alto tradimento”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Aborto, negli Stati Uniti stop in 66 cliniche dopo la sentenza della Corte Suprema
Esteri / Barboncino salta sul telecomando e compra accidentalmente 70 dollari di film per adulti
Esteri / Vladimir Kara-Murza, l’oppositore di Putin incarcerato e accusato di “alto tradimento”
Esteri / Russia, la minaccia atomica spaventa le élite militari di Mosca: “Pronti a rovesciare Putin”
Esteri / Parlamento Ue: “Europa prepari risposta in caso di attacco nucleare russo”
Esteri / Il giovane re degli scacchi accusato di aver barato più di 100 volte: forse “guidato con un vibratore”
Esteri / Al via il vertice di Praga: sul tavolo il tetto parziale al prezzo del gas
Esteri / Boom di antidepressivi in Russia dopo la “chiamata alle armi” di Putin: + 120%
Esteri / Forze Ucraina verso Kherson, sul tank russo sventola bandiera bianca. Il video
Esteri / Corea del Nord, nuovo lancio di missili balistici verso Mar del Giappone