Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Un figlio di Gheddafi condannato a morte

Immagine di copertina

Saif al-Islam Gheddafi è stato condannato a morte insieme a altre otto persone per crimini di guerra commessi nel 2011

Saif al-Islam Gheddafi, figlio dell’ex dittatore Muammar Gheddafi, e altre otto persone sono state condannate a morte da una corte di Tripoli.

Sono accusati di crimini di guerra commessi nel 2011, durante la repressione della rivolta popolare che portò alla caduta della dittatura di Gheddafi. 

Tra i condannati a morte, vi sono anche Abdullah al-Senussi, ex capo dell’intelligence durante il regime di Gheddafi, e l’ex primo ministro Baghdadi al-Mahmoudi.

Le accuse sono reclutamento di mercenari, attacchi indiscriminati sui civili con raid aerei, formazione di milizie armate illegali, spari sulla folla, incitazione alle violenze e agli stupri.

Nel processo altre sette persone sono state condannate a 12 anni di carcere, mentre quattro sono state rilasciate. Gli imputati hanno 60 giorni per presentare un appello. 

Saif al-Islam Gheddafi non era presente al processo, perché al momento si trova nella città di Zintan, dove è tenuto prigioniero da un gruppo di ribelli, alleati del governo libico con sede a Tobruk riconosciuto dall’Onu ma rivali della fazione Alba Libica che controlla Tripoli, la capitale del Paese.

Secondo quanto riporta la Bbc, i ribelli – che avevano catturato il figlio di Gheddafi alla fine della guerra civile – non vogliono né consegnarlo alle autorità né ucciderlo, perché potrebbero chiedere un alto riscatto in futuro. 

Il processo è stato aperto nell’aprile del 2014 e sin dall’inizio diverse associazioni dei diritti umani hanno riportato irregolarità, criticando la mancanza di obiettività nel sistema giudiziario libico e la scarsa trasparenza. 

Dalla caduta di Gheddafi, la Libia è precipitata nel caos, contesa da fazioni rivali. Il parlamento ufficialmente riconosciuto dalla comunità internazionale ha sede a Tobruk, ma la capitale Tripoli è nelle mani del gruppo rivale Alba Libica. 

La rivista settimanale italiana Internazionale ha elencato i gruppi armati che controllano la Libia.

Qui sotto: una mappa della Libia che mostra il territorio sotto il controllo delle diverse fazioni. Credit: Bbc

Ti potrebbe interessare
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Ti potrebbe interessare
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Esteri / Usa, il concerto di Bruce Springsteen è vietato a chi si è vaccinato con AstraZeneca
Esteri / Juneteenth, il giorno per ricordare la fine della schiavitù dei neri, diventa festa federale negli Usa
Esteri / Israele presta ai palestinesi oltre un milione di vaccini Pfizer in scadenza
Esteri / Schiavitù infantile, Corte Suprema Usa blocca causa contro i giganti del cioccolato
Esteri / La variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”