Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’Fbi segue una pista interna per individuare i responsabili della fuga di notizie del Ciagate

Immagine di copertina

Gli investigatori escludono il coinvolgimento di hacker stranieri nella pubblicazione dei documenti da parte di Wikileaks

La fuga di notizie che ha portato allo scandalo del Ciagate non sarebbe dovuta a hacker stranieri, ma a dipendenti interni dell’agenzia. Fonti investigative dell’Fbi hanno rivelato l’indiscrezione al New York Times

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

I documenti rilasciati dall’organizzazione di Julian Assange fanno riferimento alla capacità di spionaggio dell’agenzia di intelligence statunitense su smartphone, televisori e qualsiasi dispositivo in grado di connettersi a internet.

Gli investigatori sembrano escludere la possibilità che dietro alla fuga di notizie possa esserci un paese straniero ostile come la Russia. Più probabile il coinvolgimento di un interno. L’ipotesi è stata suggerita anche da Wikileaks all’atto della pubblicazione delle informazioni.

L’Fbi sarebbe pronta a interrogare fino a mille testimoni che hanno avuto in passato accesso ai documenti oggetto dello scandalo. Secondo un funzionario dell’intelligence, si tratterebbe di documenti tecnici gestiti da un appaltatore esterno che allontanerebbe quindi i sospetti sui dipendenti della Cia.

L’agenzia di intelligence ha rifiutato di confermare l’autenticità dei documenti e ha difeso in una nota pubblicata l’8 marzo il suo operato.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"
Esteri / Putin minaccia l’Occidente: “Fa rischiare la guerra nucleare”