Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Farnesina: Giuseppe Perrone nuovo ambasciatore in Iran

Immagine di copertina

Farnesina Perrone ambasciatore Iran – L’ex ambasciatore in Libia, Giuseppe Perrone, è stato nominato rappresentante diplomatico dell’Italia a Teheran, in Iran.

Iran, Usa e il nucleare: cosa sta succedendo in Medio Oriente e cosa aspettarsi

La notizia è stata data dalla Farnesina con una nota ufficiale in cui si dava conto del cambio nell’ambiente diplomatico mediorientale.

Perrone ha iniziato la sua carriera diplomatica nel 1990: si è occupato delle relazioni politiche con i paesi del Medio Oriente, prima di passare alla Presidenza della Repubblica nell’Ufficio del Consigliere Diplomatico durante il mandato del Presidente Ciampi.

Nel 2006 ha guidato l’Ufficio politico dell’Ambasciata d’Italia a Washington, negli Stati Uniti, continuando a seguire i prioritari dossier del Nord Africa e del Medio Oriente fino al 2011, quando è stato nominato Console Generale d’Italia a Los Angeles.

Dal 10 gennaio 2017 ha ricoperto il ruolo di ambasciatore d’Italia a Tripoli, riattivando l’ambasciata le cui attività erano state sospese nel febbraio 2015 a seguito del peggioramento della situazione nel paese africano.

Il mandato in Libia

L’esperienza in Libia dell’ambasciatore di Giuseppe Perrone non è stata semplice a causa delle tensioni registratesi nel paese nordafricano negli ultimi anni.

Ad agosto del 2018 era arrivata la notizia che il maresciallo libico Khalifa Haftar, il comandante delle forze armate nonché uomo forte della Cirenaica, aveva dichiarato Giuseppe Perrone persona “non più gradita per la maggioranza del libici”.

A scatenare le polemiche sarebbero state alcune dichiarazioni rilasciate da diplomatico italiano in una trasmissione televisiva: secondo Perrone la Libia non era ancora pronta per le elezioni.

Il commento non era piaciuto ad Haftar: “Le dichiarazioni dell’ambasciatore italiano vanno contro la sovranità libica e il principio di titolarità nazionale del processo politico”.

“Le sue osservazioni sono una chiara provocazione per il popolo libico e una palese interferenza nei suoi affari interni, e i libici hanno dimostrato la loro contrarietà a queste affermazioni in varie piazze”, aveva dichiarato il maresciallo nel corso di un’intervista.

In seguito il posto di ambasciatore italiano in Libia è stato affidato a Giuseppe Buccino.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Si è suicidato uno dei poliziotti che difesero Capitol Hill dall’assalto: è il quarto in 7 mesi
Esteri / Atene assediata dagli incendi: migliaia di abitanti e turisti costretti alla fuga
Esteri / Cadaveri per le strade, negozi in fiamme e raid aerei: migliaia di civili fuggono dai talebani nel sud dell’Afghanistan
Ti potrebbe interessare
Esteri / Si è suicidato uno dei poliziotti che difesero Capitol Hill dall’assalto: è il quarto in 7 mesi
Esteri / Atene assediata dagli incendi: migliaia di abitanti e turisti costretti alla fuga
Esteri / Cadaveri per le strade, negozi in fiamme e raid aerei: migliaia di civili fuggono dai talebani nel sud dell’Afghanistan
Esteri / Ucraina, uomo si barrica nella sede del governo e minaccia di far esplodere una bomba: arrestato
Esteri / "Quella maledetta esplosione ha ucciso nostra figlia e distrutto la nostra casa"
Esteri / L’Ungheria evoca l’uscita dall’Ue: “Possibile nel 2030, quando dovremo dare più di quanto riceviamo”
Esteri / A Wuhan torna l’incubo lockdown: isolato un quartiere e chiuse le scuole
Esteri / Bielorussia, ritrovato morto impiccato il dissidente anti Lukashenko scomparso a Kiev
Esteri / I sospetti dei media Usa e inglesi sulla vittoria di Jacobs: “La storia è piena di vincitori dopati”
Esteri / Regno Unito, in autunno terza dose di vaccino per tutti: la decisione di Boris Johnson