Coronavirus:
positivi 85.388
deceduti 14.681
guariti 19.758

Il fact checking del discorso sullo stato dell’Unione di Trump, punto per punto

Ecco un'analisi di alcuni dei passaggi del discorso del Presidente americano sullo stato dell'Unione

Di Marta Perroni
Pubblicato il 31 Gen. 2018 alle 12:12 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 00:24
0
Immagine di copertina

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, a un anno dal suo insediamento alla Casa Bianca, ha pronunciato al Congresso il suo primo discorso sullo stato dell’Unione.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Ecco un’analisi di alcuni dei punti più importanti del discorso del Presidente americano in cui si confronta ciò che ha affermato Trump con la realtà dei fatti.

Lavoro

Dopo le elezioni, abbiamo creato 2,4 milioni di nuovi posti di lavoro, inclusi 200.000 nuovi posti di lavoro nella sola produzione. Dopo anni di stagnazione salariale, stiamo finalmente assistendo a salari in aumento“.

Il calcolo comunicato da Trump tiene conto dei dati che riguardano il lavoro dal giorno delle elezioni 2016, quindi mesi prima che diventasse presidente.

Circa 1,8 milioni di americani hanno trovato lavoro dall’insediamento effettivo di Trump, con una media approssimativa del tasso di assunzioni più lento dal 2010.

Il tasso di disoccupazione a dicembre 2017 è stato del 4,1 per cento , un minimo di 17 anni nel paese e un minimo di 18 anni in alcune città.

Ha ragione che i salari hanno iniziato a salire alcuni anni fa, dopo anni di stasi; l’ascesa era cominciato, però, prima che entrasse in carica

Isis

Sono orgoglioso di riferire che la coalizione per sconfiggere Isis ha liberato quasi il 100 per cento del territorio una volta detenuto da questi assassini in Iraq e in Siria“.

Sembra che il presidente si riferisca ad un rapporto della Fox News di dicembre che cita funzionari militari statunitensi senza nome; dopo la riconquista di Mosul, un portavoce del dipartimento di stato, Brett McGurk, ha dichiarato lo scorso agosto che il gruppo terroristico ha perso il 22 per cento del suo territorio in Iraq e il 42 per cento del suo territorio in Siria. Due mesi dopo le sue partecipazioni si erano ridotte ulteriormente, approssimativamente alle dimensioni del Portogallo.

Trump ha dato più libertà ai generali del Pentagono per autorizzare le missioni rispetto al suo predecessore, ma ha in gran parte continuato le strategie di Obama in Siria, Iraq, Afghanistan, Libia e Yemen, basandosi prevalentemente su campagne di bombardamenti e forze speciali.

Il gruppo terroristico ha perso una grande quantità di territorio da quando Trump è entrato in carica, ma è stata solo la continuazione delle sue sconfitte cominciata negli ultimi anni.

L’isis ha infatti cambiato le sue tattiche per sopperire alle perdite, incoraggiando i cosiddetti “lupi solitari” e pianificando attacchi terroristici all’estero.

Ha anche dovuto affrontare un aumento dei bombardamenti da parte delle forze russe e nuovi attacchi da parte del leader siriano Bashar al-Assad, che ha in gran parte sconfitto le altre forze ribelli.

Immigrazione e criminalità

Per decenni, le frontiere aperte hanno permesso alle droghe e alle bande di riversarsi nelle nostre comunità più vulnerabili. Hanno permesso a milioni di lavoratori con bassi salari di concorrere per lavori e salari contro gli americani più poveri. Più tragicamente, hanno causato la perdita di molte vite innocenti“.

Gli Stati Uniti moderni non hanno mai avuto “frontiere aperte”.

L’amministrazione di Obama, ad esempio, ha deportato più persone rispetto a qualsiasi precedente amministrazione e ha notevolmente ampliato il personale per la sicurezza delle frontiere.

Trump aveva insistito già in campagna elettorale sul legame tra immigrati e criminalità, ma decenni di ricerca non supportano la teoria, e alcuni studi suggeriscono che le persone prive di documenti hanno meno probabilità rispetto ai cittadini nativi di commettere crimini. Le affermazioni del presidente che collegano gli immigrati alla criminalità violenta sono infondate .

Inoltre, uno studio del 2016 condotto da Accademie nazionali di scienze, ingegneria e medicina, un’organizzazione di ricerca apartitica, ha rilevato che gli immigrati non prendono lavoro da americani nativi.

Il rapporto ha anche scoperto che gli immigranti di prima generazione costano ai governi federali e locali tra i 43 e 279 miliardi di dollari di spesa – una vasta gamma con molte variabili. Secondo il rapporto, i figli di quegli immigrati aggiungono circa 30 miliardi di dollari l’anno all’economia, facendo di quei nuovi nativi americani “uno dei più forti contributori economici e fiscali della popolazione degli Stati Uniti”.

Ha concluso che l’immigrazione ha un effetto “generalmente positivo” a livello federale, ma può avere effetti positivi o negativi a livello locale ma a seconda delle circostanze.

Visti

Il terzo pilastro [del piano di immigrazione di Trump] termina la lotteria dei visti – un programma che distribuisce a caso carte verdi senza alcun riguardo per l’abilità, il merito o la sicurezza della nostra gente. È tempo di iniziare a muoversi verso un sistema di immigrazione basato sul merito – uno che ammetta persone che sono abili, che vogliono lavorare, che contribuiranno alla nostra società e che ameranno e rispetteranno il nostro paese.

Il quarto e ultimo pilastro protegge la famiglia nucleare ponendo fine alla migrazione a catena. Sotto l’attuale sistema rotto, un singolo immigrato può portare un numero virtualmente illimitato di parenti lontani. Nell’ambito del nostro piano, ci concentriamo sull’immediata famiglia limitando le sponsorizzazioni a coniugi e figli minori“.

La lotteria dei visti non è un sistema completamente casuale senza riguardo per il merito, e il sistema dei visti di famiglia non consente ai parenti lontani o ai cugini lontani di ricevere agevolazioni per la residenza. Esistono già dei limiti al numero di visti familiari che una famiglia può ricevere.

Eppure Trump ha ripetutamente denigrato il programma del visto della lotteria e la sponsorizzazione dei visti familiari e, dicendo che i programmi legali permettono alle persone pericolose di entrare negli Stati Uniti. (Gli stessi antenati del presidente seguirono i loro parenti immigrati negli Stati Uniti). Ha anche affermato che nazioni straniere come il Messico “mandano” persone negli Stati Uniti, una chiara menzogna, tranne nei casi di estradizione in cui le autorità americane hanno richiesto un latitante.

Il dipartimento di stato degli Stati Uniti, con l’aiuto delle agenzie di sicurezza, gestisce il programma di lotterie dei visti. Per essere inclusi nel programma bisogna superare i requisiti minimi: due anni di esperienza lavorativa e almeno un’istruzione scolastica superiore.

I funzionari sottopongono i candidati a verifiche preliminari e interviste di sicurezza e fanno affidamento su un computer per selezionare poi casualmente destinatari del visto che passano i requisiti.

La promessa di Trump di abbattere i prezzi dei farmaci

Una delle mie più grandi priorità è ridurre il prezzo dei farmaci da prescrizione. In molti altri paesi, questi farmaci costano molto meno di quello che paghiamo negli Stati Uniti. Questo è il motivo per cui ho diretto la mia amministrazione a correggere l’ingiustizia degli alti prezzi dei farmaci. I prezzi scenderanno“.

Ma già ad un anno dalla presidenza di Trump, ha più o meno abbandonato le sue promesse per abbattere il costo delle medicine americane, le più alte del mondo.

Sotto Trump, le case farmaceutiche hanno intrapreso una campagna concentrata a spostare la discussione sui prezzi dei farmaci in una conversazione sui costi extra-tascabili, in cui gli assicuratori sanitari e i manager delle prestazioni farmaceutiche sono loro sotto il microscopio.

La campagna delle aziende sembra aver dato i suoi frutti, a giudicare dai cambiamenti normativi perseguiti dall’amministrazione Trump su Medicare.

Trump ha anche occupato il settore esecutivo con funzionari strettamente legati all’industria farmaceutica. Il presidente ha anche scelto figure controverse come alti funzionari sanitari, tra cui un ex dirigente farmaceutico e un assistente 24enne della sua stessa campagna elettorale.

Guerra alla droga

Nel 2016, abbiamo perso 64mila americani per overdose: 174 morti al giorno. Sette all’ora. Dobbiamo essere molto più duri contro i trafficanti e gli spacciatori se vogliamo riuscire a fermare questo flagello“.

Gli Stati Uniti continuano a subire gli effetti del traffico di droghe di proporzioni senza precedenti, con fentanil e droghe sintetiche che entrano negli Stati Uniti dalla Cina, l’eroina di Mexico e gli oppioidi da prescrizione prodotti dalle compagnie farmaceutiche americane .

Ci sono state probabilmente oltre 64.000 casi di overdose fatale negli Stati Uniti nel 2016, parte di un costante aumento nell’ultimo decennio. Trump ha dichiarato la crisi un problema di salute pubblica, ma ha rifiutato di chiamarlo “emergenza nazionale”, una designazione che avrebbe dato accesso immediato ai fondi per il trattamento e la prevenzione.

Campagne come “war on drugs” e “just say no” non sono riuscite a contrastare la crescente dipendenza, né a rallentare la diffusione della droga negli Stati Uniti.

Secondo la protezione doganale e di frontiera , i sequestri di marijuana sono diminuiti del 31% dall’anno fiscale 2016 fino all’anno fiscale 2017, ma i sequestri di cocaina ed eroina sono aumentati del 70 per cento.

Abbattere gli “drug dealers and pushers” (venditori e piccoli spacciatori), come suggerisce il presidente, non affronta il problema della tossicodipendenza attraverso le prescrizioni o le spedizioni dai laboratori non regolamentati in Cina.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.