Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:17
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Cosa vede Facebook quando ti innamori

Immagine di copertina

Quando i dati accumulati dalla celebre piattaforma di social network raccontano l'inizio di un amore

Un post di Facebook Data Science ha rivelato come spesso l’amore nascente passi anche attraverso la bacheca del social network.

Gli scienziati dell’azienda hanno studiato un campione di post anonimi di utenti di tutto il mondo, che hanno cambiato il loro status da “Single” a “Impegnato” tra aprile 2010 e ottobre 2013.

Alcuni grafici mostrano come nel periodo del corteggiamento – individuato nei 100 giorni antecedenti l’inizio della relazione – il numero dei post scambiati dalla futura coppia aumenta lentamente ma costantemente.

Il dodicesimo giorno prima che la relazione cominci si osserva un picco di 1,67 post scambiati in media tra le future coppie. Mentre dopo il “giorno 0”, che indica l’inizio della relazione, e nei 100 giorni successivi la media dei post condivisi comincia a diminuire, raggiungendo 1,53 post al giorno l’ottantacinquesimo giorno dopo l’inizio della relazione.

(Credits: Facebook)

“Presumibilmente”, scrive Carlos Diuk di Facebook Data Science, “le coppie decidono di passare più tempo insieme, il corteggiamento è finito, e le interazioni online lasciano spazio a più interazioni nel mondo fisico”.

Ma anche se il numero di post condivisi tra la coppia diminuisce, Diuk rileva che il loro contenuto rispecchia un miglioramento nell’umore degli utenti.

Analizzando automaticamente una serie di post scritti in lingua inglese, gli scienziati hanno rilevato infatti che la percentuale di parole che esprimono emozioni positive (come “amore”, “bella”, “felice”) è maggiore della percentuale di parole che esprimono sensazioni negative (come “odio”, “ferito”, “cattivo “). Il miglioramento si registra a partire dal giorno 0, e ha un picco nel giorno 1.

“L’analisi dei sentimenti è tutt’altro che una scienza perfetta”, ha scritto Robinson Meyer su The Atlantic. “I robot ancora non se la cavano bene col sarcasmo”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"