Covid ultime 24h
casi +26.323
deceduti +686
tamponi +225.940
terapie intensive -20

L’ex presidente egiziano Mubarak nega di essere coinvolto nell’uccisione dei manifestanti del 2011

Durante il nuovo processo sulla vicenda ha respinto le accuse dei giudici di aver fornito armi e veicoli contro la piazza in protesta

Di TPI
Pubblicato il 2 Mar. 2017 alle 13:10 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 22:11
0
Immagine di copertina

L’ex presidente egiziano Hosni Mubarak ha negato di essere coinvolto nell’uccisione di alcuni manifestanti durante le proteste del 2011, parlando all’inizio del nuovo processo sulla vicenda che si tiene giovedì 2 marzo 2017.   

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come 

Mubarak, 88 anni, era stato condannato inizialmente alla prigione a vita nel 2012 per aver cospirato per l’uccisione di 239 dimostranti, ma la Corte d’appello aveva ordinato di tenere un nuovo processo. 

Il secondo giudizio era terminato nel 2014, quando la corte egiziana aveva deciso di chiudere il caso, ma in seguito a un ricorso si è arrivati a un nuovo giudizio.

Il processo ha avuto inizio giovedì 2 marzo, con le accuse rivolte dal giudice a Mubarak per aver fornito veicoli e armi usati per attaccare i manifestanti. 

L’ex presidente egiziano ha replicato che ciò per cui è accusato “non è accaduto”. Mubarak sostiene da tempo la sua innocenza e ha più volte detto che la storia lo giudicherà come un patriota che ha servito il suo paese.

Aggiornamento, ore 16.40: La corte egiziana ha stabilito l’innocenza dell’ex presidente Mubarak.  

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.