Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 04:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

“Il ministro mi ha molestato in parlamento”: l’accusa di una ex parlamentare che scuote l’Australia

Immagine di copertina
Julia Banks durante la Women's March 4 Justice a Melbourne, Australia, il 15 marzo 2021. Credit: EPA/JAMES ROSS

“Il ministro mi ha molestato in parlamento”: l’accusa di una ex parlamentare che scuote l’Australia

L’ex parlamentare australiana Julia Banks ha dichiarato di essere stata molestata da un attuale membro del governo. In un libro autobiografico, Banks ha dichiarato che durante una seduta del parlamento nel 2017 un suo collega l’aveva toccata “in maniera completamente inappropriata”, facendo scorrere la sua mano lungo la coscia. Banks nel suo libro non ha identificato l’uomo ma ha dichiarato che è ancora parte del governo guidato da Scott Morrison. L’ex avvocato ha raccontato che il ministro si è seduto accanto a lei e ha messo la sua mano “appena sopra il mio ginocchio e si avvicinava lentamente e deliberatamente all’interno della mia coscia e poi più in alto sulla mia gamba”.

Banks, che prima di diventare parlamentare lavorava come avvocato, ha detto di aver subito la molestia sessuale all’interno dell’ufficio del primo ministro, mentre aspettava assieme ad altri membri della coalizione per un voto nella Camera dei rappresentanti, descrivendo il gesto come “incredibilmente sfacciato”.

L’ex parlamentare, che ha lasciato il partito Liberale nel 2018 dopo l’arrivo di Morrison alla guida del governo, ha dichiarato che invierà una copia del suo libro autobiografico alla commissione istituita dal governo lo scorso marzo dopo il clamore suscitato da diversi casi di violenza sessuale che hanno investito la politica australiana, provocando una serie di proteste per i diritti delle donne in tutto il paese. Banks tuttavia ha dichiarato che la sua collaborazione con la commissione si limiterà a questo, affermando di non poter essere sicura che la sua privacy sarebbe protetta “sulla base della mia esperienza diretta con il governo Morrison”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Yemen: Israele ha bombardato il porto di Hodeidah controllato dagli Houthi
Esteri / Biden pronto all'addio dopo le pressioni dei democratici: "Potrebbe annunciarlo già nel fine settimana"
Esteri / Guasti informatici in tutto il mondo: aerei a terra e problemi a media e banche
Ti potrebbe interessare
Esteri / Yemen: Israele ha bombardato il porto di Hodeidah controllato dagli Houthi
Esteri / Biden pronto all'addio dopo le pressioni dei democratici: "Potrebbe annunciarlo già nel fine settimana"
Esteri / Guasti informatici in tutto il mondo: aerei a terra e problemi a media e banche
Esteri / Attacco con drone a Tel Aviv vicino all'ambasciata Usa: 1 morto, diversi feriti. L'azione rivendicata dagli Houthi
Esteri / Arabia Saudita, Riad giustizia altri due condannati a morte: oltre 100 esecuzioni dall’inizio del 2024
Esteri / Gaza: Amnesty International denuncia la “tortura diffusa” dei palestinesi da parte di Israele
Esteri / Ursula von der Leyen rieletta presidente della Commissione Ue con 401 sì: FdI vota contro
Esteri / Biden ha il Covid e per la prima volta considera l'ipotesi del ritiro: "Pensate che Kamala Harris possa vincere?"
Esteri / Knesset vota risoluzione contro nascita Stato palestinese. Iran: "Il Consiglio di Sicurezza Onu fermi Israele a Gaza"
Esteri / Amazzonia: le rare immagini della tribù Mashco Piro che vive isolata e senza contatti con il resto del mondo