Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:21
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Ex ministro del Galles trovato morto dopo le accuse di molestie, si pensa al suicidio

Immagine di copertina
Carl Sargeant, ex ministro del Galles

Carl Sargeant era stato rimosso dal suo incarico dopo essere stato accusato da diverse donne. Aveva definito le denunce “scioccanti e dolorose”

L’ex ministro laburista del Galles Carl Sargeant, 49 anni, è stato trovato morto martedì 7 novembre 2017, pochi giorni dopo le accuse di comportamenti inappropriati di tipo sessuale rivolti nei suoi confronti da tre donne. Sargeant era stato rimosso dal suo incarico e sospeso dal partito venerdì 3 novembre.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Sargeant era sposato e aveva due figli. È stato trovato morto nella sua casa di Connah’s Quay, a Flintshire, martedì mattina.

Secondo i media britannici, l’ipotesi è che si sia tolto la vita. Un suo portavoce aveva definito “scioccanti e dolorose” le accuse di molestie ricevute. I dettagli delle accuse rivolte a Sargeant non erano stati resi noti.

I politici del Galles si stanno ora interrogando sulla linea di condotta tenuta, considerando che Sargeant è morto senza conoscere i dettagli delle accuse che gli erano state rivolte e senza aver avuto la possibilità di difendersi.

 

Il leader laburista Jeremy Corbyn ha definito “terribile” la notizia della morte di Sargeant, mentre il suo vice Tom Watson l’ha definita una “tragedia indicibile”.

La scorsa settimana il primo ministro del Galles, Carwyn Jones, aveva annunciato la rimozione di Sargeant dal governo dopo essere venuto a conoscenza di accuse riguardanti i suoi presunti comportamenti inappropriati di tipo sessuale nei confronti di alcune donne.

Sargeant aveva chiesto un’indagine indipendente che gli consentisse di “pulire il suo nome”.  Lunedì 6 novembre Jones aveva detto di non aver avuto scelta sulla rimozione del ministro, ma di voler riferire la questione al partito.

“Carl era un marito, padre e amico molto amato”, si legge in una nota della famiglia. “Non era solo parte della nostra famiglia, era il collante che ci teneva insieme. Era il cuore della nostra famiglia. Siamo assolutamente devastati, e sappiamo che il nostro dolore sarà condiviso da coloro che lo hanno conosciuto e amato”.

La politica britannica è stata travolta nelle ultime settimane da uno scandalo sulle molestie sessuali che ha portato anche alle dimissioni del ministro della Difesa Michael Fallon.

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Gli arabi vadano via, Gaza sarà nostra”: l’agghiacciante intervista alla madrina dei coloni israeliani Daniela Weiss
Esteri / Il segretario Nato Stoltenberg: “L’Ucraina dovrebbe poter usare le armi occidentali per colpire in Russia”
Esteri / Israele ignora la sentenza de L'Aja e insiste coi raid. Il ministro Ben-Gvir: "Corte antisemita"
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Gli arabi vadano via, Gaza sarà nostra”: l’agghiacciante intervista alla madrina dei coloni israeliani Daniela Weiss
Esteri / Il segretario Nato Stoltenberg: “L’Ucraina dovrebbe poter usare le armi occidentali per colpire in Russia”
Esteri / Israele ignora la sentenza de L'Aja e insiste coi raid. Il ministro Ben-Gvir: "Corte antisemita"
Esteri / Gb, Jeremy Corbyn espulso dai Laburisti: si candida come indipendente
Esteri / Gaza: la Corte de L'Aja ordina a Israele di fermare l’offensiva a Rafah. Cosa può succedere ora
Esteri / Attentato a Mosca: per la prima volta la Russia riconosce la responsabilità dell’Isis
Esteri / Può quest’uomo salvare l’Europa?
Esteri / “Solo il Mediterraneo può salvare questa Europa”
Esteri / Benvenuti a Bruxelles, capitale delle lobby: così le multinazionali condizionano le politiche Ue
Esteri / Fattore I: il peso dell’inflazione sulle elezioni europee