Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

In Texas, un ex criminale ha scoperto troppo tardi di poter votare alle elezioni

Immagine di copertina

Abraham Ornelas fu arrestato per favoreggiamento nel traffico di droga. Condannato a tre anni di reclusione perse ogni diritto di voto

Il giorno tanto atteso da milioni di elettori americani è arrivato. Oggi, martedì 8 novembre, i cittadini eleggeranno il loro 45esimo presidente degli Stati Uniti. Ma questo giorno non potrà essere ricordato come un momento importante per Abraham Ornelas, residente nella città di Presidio, nello stato del Texas. 

S&D

L’uomo ha alle spalle una storia criminale e una condanna per reati penali. Secondo le leggi vigenti nello stato americano, coloro che commettono crimini sono automaticamente esclusi da ogni diritto di voto. In questa categoria rientrano coloro che stanno scontando la loro pena in carcere e chi sta in libertà vigilata. 

Tuttavia, Ornelas non sapeva che una volta scontata definitivamente la condanna e una volta libero potesse di nuovo riacquistare diritto di voto. Nessuno glielo aveva mai detto, nemmeno il suo avvocato.

Residente nella città texana di Presidio – che conta a malapena 6mila abitanti – quasi nove anni fa Ornelas fu arrestato con l’accusa di favoreggiamento nel traffico di droga. L’uomo aveva aiutato un suo amico a oltrepassare il confine dello stato per contrabbandare la droga. 

Ornelas fu condannato a scontare tre anni e un giorno di carcere, pena poi ridotta a 30 mesi per buona condotta. Una volta uscito di prigione e riacquistata la piena libertà, l’uomo ha sempre vissuto una vita tranquilla.

“Ho pagato il mio debito con la società”, ha raccontato Ornelas. “In questi nove anni ho cambiato stile di vita. Dopo la mia scarcerazione non ho più ricevuto nemmeno una multa per eccesso di velocità o per altri tipi di violazioni”. 

Oggi, dopo quella brutta esperienza, nel tempo libero Abraham Ornelas veste i panni dell’arbitro volontario della squadra di baseball locale – la Little League. 

Nonostante una vita tranquilla, due figli e un lavoro, l’uomo ha scoperto pochi giorni fa di possedere di nuovo il suo diritto di voto, ma ormai era troppo tardi. 

In Texas, gli individui condannati per reati non sono ammessi a votare durante il loro periodo di detenzione (noto come disfranchisement). Il diritto di voto viene ripristinato una volta scontata definitivamente la sua pena.

In molti casi capita che gli ex detenuti non siano a conoscenza dei loro diritti ripristinati, e ciò è capitato ad Abraham Ornelas che non aveva mai ricevuto nessuna informazione al riguardo.

“Sono andato sul sito per registrarsi e poter così votare. Quando mi hanno chiesto se volessi registrarmi per poter votare, ho detto loro che avevo avuto in passato una condanna”, ha raccontato ancora l’uomo. “Ma non mi hanno fornito alcuna informazione al riguardo”. 

Attualmente sono circa 6 milioni gli americani su cui vige il divieto di voto in base alla legge che li priva dei loro diritti civili a causa dei crimini commessi. La norma è stata più volte contestata perché ritenuta discriminante, in quanto coinvolge soprattutto i cittadini afroamericani (circa il 38 per cento dei detenuti rinchiusi nelle carceri americane sono afroamericani) e gli ispanici. 

Per quanto riguarda nello specifico lo stato del Texas, sono stati 53mila i cittadini texani esclusi dal voto, secondo il Sentencing Project, un’organizzazione no profit statunitense impegnata nel denunciare casi di discriminazione nei confronti dei detenuti e nel promuovere nuove forme di detenzione. 

Naturalmente questo dato non comprende persone come Ornelas, che ha scontato in modo definitivo la sua pena detentiva ma che non è stato reinserito nel sistema d’inclusione sociale per quanto concerne i diritti civili, compresi quelli di voto. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Esteri / Gaza: oltre 34.260 morti dal 7 ottobre. Media: "Il direttore dello Shin Bet e il capo di Stato maggiore dell'Idf in Egitto per discutere dell'offensiva a Rafah". Hamas diffonde il video di un ostaggio. Continuano gli scambi di colpi tra Tel Aviv e Hezbollah al confine con il Libano. L'Ue chiede indagine indipendente sulle fosse comuni a Khan Younis. Biden firma la legge per fornire aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan
Esteri / Gaza: oltre 34.180 morti. Hamas chiede un'escalation su tutti i fronti. Tel Aviv nega ogni coinvolgimento con le fosse comuni di Khan Younis. Libano, Idf: "Uccisi due comandanti di Hezbollah". Il gruppo lancia droni su due basi in Israele. Unrwa: "Impedito accesso ai convogli di cibo nel nord della Striscia"
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza, al-Jazeera: "Recuperati 73 corpi da altre tre fosse comuni a Khan Younis". Oic denuncia "crimini contro l'umanità". Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Macron chiede a Netanyahu "un cessate il fuoco immediato e duraturo". Erdogan: "Evitare escalation". Usa: "Nessuna sanzione per unità Idf, solo divieto di ricevere aiuti"
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini