Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Esplosione davanti al tribunale di Smirne, quattro vittime tra cui due attentatori

Immagine di copertina

Secondo il governatore della città gli attentatori hanno provato a dare l'assalto all'edificio ma sono stati respinti dalla poliza. Si sospettano i curdi del Pkk

Esplosione davanti a un tribunale nella città di Smirne, sulla costa egea della Turchia. Secondo i media locali potrebbe essersi trattato di un’autobomba, poiché fuori dal tribunale è visibile un’auto in fiamme.

Secondo la ricostruzione di alcuni media locali, i terroristi avrebbero dato l’assalto al tribunale ma sarebbero stati fermati dalla polizia nel perimetro esterno dell’edificio evitando una strage.

Due attentatori sono stati uccisi nello scontro a fuoco con la polizia, mentre un altro sarebbe in fuga. Il quotidiano Hurriyet, citando fonti della polizia, ha diffuso l’identikit del complice in fuga, visto indossare un cappotto scuro e un berretto bianco.

Nell’attacco hanno perso la vita anche un poliziotto e un dipendente del tribunale. Fonti ospedaliere parlano di almeno dieci feriti, tra i quali alcuni agenti, a causa dell’esplosione dell’autobomba.

Il governatore della città, Erol Ayyildiz, ha dichiarato che in base agli elementi raccolti finora l’attacco sarebbe opera dei curdi del Pkk. Gli assalitori avevano addosso 8 bombe a mano.

Negli ultimi mesi la Turchia è stata colpita da una serie di attentati sia di matrice islamica sia da parte della minoranza curda. Questa mattina le autorità turche hanno arrestato alcune persone di etnia uigura accusate di essere coinvolte nel massacro nella discoteca Reina di Istanbul la notte di capodanno, in cui hanno perso la vita 39 persone.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / La grande fuga dalla Russia di Putin: “Non moriremo per Vlad il matto”
Esteri / Cremlino: “Gli Stati Uniti sono coinvolti direttamente nel conflitto, situazione estremamente pericolosa”
Esteri / La Slovenia legalizza matrimonio ed adozione per le coppie omosessuali
Ti potrebbe interessare
Esteri / La grande fuga dalla Russia di Putin: “Non moriremo per Vlad il matto”
Esteri / Cremlino: “Gli Stati Uniti sono coinvolti direttamente nel conflitto, situazione estremamente pericolosa”
Esteri / La Slovenia legalizza matrimonio ed adozione per le coppie omosessuali
Esteri / Approvato nuovo pacchetto di sanzioni Ue alla Russia, incluso price cap al petrolio
Esteri / Gas dalla Russia all’Italia: ripresi i flussi attraverso l’Austria
Esteri / La gaffe del generale russo: per errore svela sulla mappa l’avanzata della controffensiva ucraina
Esteri / Von Der Leyen: “Pronti a discutere un tetto al prezzo del gas utilizzato per generare elettricità”
Esteri / Guerra in Ucraina, camera delle torture a Pisky-Radkivski: rinvenuti denti d’oro. Le foto shock
Esteri / Corea del Sud, esercitazioni con gli Usa: lanciati 4 missili sul Mar del Giappone. Uno si schianta al suolo
Esteri / Caricabatterie unico, arriva il sì definitivo del parlamento europeo: entro il 2024 l’obbligo per i device portatili