Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Lo smog a Delhi ha raggiunto il livello più alto degli ultimi vent’anni

Immagine di copertina

Il governatore Arvind Kejriwal ha annunciato una serie di misure di emergenza, tra cui la chiusura delle scuole per tre giorni

Da alcune settimane per gli abitanti di Delhi l’aria è diventata irrespirabile. Nella capitale indiana lo smog ha toccato il livello più alto dell’ultimo ventennio e in alcune zone ha superato di dieci volte i limiti massimi di sicurezza stabiliti dalla legge.

Dopo una riunione di gabinetto, domenica 6 novembre il governatore locale Arvind Kejriwal ha annunciato una serie di misure di emergenza, tra cui la chiusura delle scuole per tre giorni e il divieto di svolgere qualsiasi lavoro di costruzione o demolizione per cinque giorni.

Inoltre, Kejriwal ha annunciato che dell’acqua sarà gettata per le strade per “pulire” l’aria dalla polvere tossica e ha consigliato ai cittadini di rimanere quanto più possibile nelle loro abitazioni.

(Una protesta contro l’inquinamento a Delhi, in India. Credit: Cathal McNaughton. Il pezzo continua sotto la foto)

L’inquinamento dell’aria di questi giorni a Delhi è stato provocato dai fuochi d’artificio usati per il Diwali, la “festa delle luci” indiana, lo scorso 30 ottobre e della combustione dei raccolti di centinaia di migliaia di agricoltori nel nord dell’India, come riporta il corrispondente della Bbc dall’India Sanjoy Majumder.

Gli abitanti e i turisti che si trovano in città hanno espresso la loro preoccupazione con foto e messaggi su Twitter, usando gli hashtag #DelhiSmog e #DelhiChokes. Inoltre, centinaia di persone che indossavano maschere per il viso hanno protestato vicino ai monumenti di Jantar Mantar, a Delhi, domenica 6 novembre.

Il governo di Delhi ha attuato diverse strategie per contenere il problema, tra cui la circolazione a targhe alterne per le strade. Ma finora le misure non sono state sufficienti a risolvere la questione.

L’inquinamento atmosferico è una delle principali cause di morte premature in India. I dati dell’Organizzazione mondiale della sanità mostrano che circa 620mila persone muoiono ogni anno per malattie connesse con l’inquinamento in tutto il paese.

(Un tassista a Delhi si copre il viso con una mascherina per proteggersi dallo smog. Credit: Cathal McNaughton)

Ti potrebbe interessare
Esteri / Vladimir Kara-Murza, l’oppositore di Putin incarcerato e accusato di “alto tradimento”
Esteri / Russia, la minaccia atomica spaventa le élite militari di Mosca: “Pronti a rovesciare Putin”
Esteri / Parlamento Ue: “Europa prepari risposta in caso di attacco nucleare russo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vladimir Kara-Murza, l’oppositore di Putin incarcerato e accusato di “alto tradimento”
Esteri / Russia, la minaccia atomica spaventa le élite militari di Mosca: “Pronti a rovesciare Putin”
Esteri / Parlamento Ue: “Europa prepari risposta in caso di attacco nucleare russo”
Esteri / Il giovane re degli scacchi accusato di aver barato più di 100 volte: forse “guidato con un vibratore”
Esteri / Al via il vertice di Praga: sul tavolo il tetto parziale al prezzo del gas
Esteri / Boom di antidepressivi in Russia dopo la “chiamata alle armi” di Putin: + 120%
Esteri / Forze Ucraina verso Kherson, sul tank russo sventola bandiera bianca. Il video
Esteri / Corea del Nord, nuovo lancio di missili balistici verso Mar del Giappone
Esteri / Centrale nucleare di Zaporizhzhia, Putin firma il decreto: “È di proprietà russa”
Esteri / La grande fuga dalla Russia di Putin: “Non moriremo per Vlad il matto”