Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:02
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Elezioni presidenziali in Madagascar: il presidente uscente cerca un secondo mandato

Immagine di copertina
Credit: AFP

Favoriti il presidente uscente Hery Rajaonarimampianina e i suoi predecessroi Marc Ravalomanana e Andry Rajoelina

Il 7 novembre 2018 i cittadini del Madagascar sono chiamati a votare per il nuovo presidente del paese africano.

Dopo un periodo di instabilità politica, il presidente uscente Rajaonarimampianina si trova a contendersi la poltrona con due dei suoi predecessori.

In totale, si sono presentati 36 candidati: i favoriti hanno promesso di rilanciare l’economia in un paese in cui l’80 per cento della popolazione vive in povertà.

Il presidente Hery Rajaonarimampianina e i suoi due principali rivali, gli ex presidenti Marc Ravalomanana e Andry Rajoelina, sono tutti uomini facoltosi e sono stati al centro di numerose critiche: i cittadini li accusano di essersi dedicati alla politica solo per il loro tornaconto.

Su una popolazione di circa 25 milioni di persone, solo 9 milioni di persone si sono registrati per esprimere il loro voto.

Per vincere al primo turno, un candidato ha bisogno di oltre il 50 per centi dei voti. In caso contrario, i primi due candidati passeranno a un secondo turno il 19 dicembre 2018.

Il gruppo di osservatori dell’Unione Europea afferma che non sono state rilevate anomalie, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters.

La crisi politico-economica – Dopo le elezioni del 2013, svoltesi pacificamente, gli investitori e gli sponsor del governo hanno ripreso il loro posto nell’economia dell’isola africana dopo un’assenza di quattro anni iniziati dopo la vittoria dell’allora presiedente Rajoelina nel 2009.

In quel periodo si è registrato un esodo di investitori stranieri da un paese che è uno dei più poveri del mondo nonostante la presenza di giacimenti di nichel, cobalto, oro, uranio e altri minerali.

L’isola è stata colpita da una nuova crisi politica in aprile, scatenata da un emendamento del governo di Rajaonarimampianina che avrebbe impedito a Ravalomanana di candidarsi.

Il presidente Rajaonarimampianina, che cerca adesso un secondo mandato, ha approvato una nuova modifica della legge che elimina tale disposizione il mese successivo, consentendo quindi a Ravalomanana di presentare la sua candidatura.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage di migranti a Melilla, la denuncia delle organizzazioni umanitarie. Video
Economia / La Russia è vicina al default: le sanzioni bloccano i pagamenti sui bond in dollari ed euro
Esteri / Pitone da record catturato in Florida: “Pesa 100 chili ed è lungo 6 metri”. Video
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage di migranti a Melilla, la denuncia delle organizzazioni umanitarie. Video
Economia / La Russia è vicina al default: le sanzioni bloccano i pagamenti sui bond in dollari ed euro
Esteri / Pitone da record catturato in Florida: “Pesa 100 chili ed è lungo 6 metri”. Video
Esteri / Sudafrica, 22 giovani trovati morti in un night club
Esteri / Scoperto il batterio più grande del mondo: si vede a occhio nudo
Esteri / Migranti, almeno 27 morti al confine tra Marocco e Spagna. Sanchez: “Responsabilità dei trafficanti”
Esteri / Lione, bambina di 11 mesi avvelenata con l’acido dalla maestra: voleva farla smettere di piangere
Esteri / Guerra in Ucraina. Kiev torna sotto attacco, 14 missili lanciati nella notte: un morto e cinque feriti
Esteri / Usa, assalto al Congresso dell’Arizona contro la sentenza anti-aborto: la polizia usa lacrimogeni contro i manifestanti
Esteri / Diritto all’aborto abolito negli Usa, Trump: “È la volontà di Dio”. Biden: “Decisione crudele”