Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 10:54
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Elezioni in Macedonia del Nord, per eleggere il nuovo presidente si andrà al ballottaggio

Immagine di copertina
Il candidato governativo Stevo Pendarovski durante le elezioni in Macedonia del Nord (Credits: Robert Atanasovski/Afp)

Servirà il ballottaggio per scoprire il nome del prossimo presidente della Macedonia del Nord. Nelle elezioni di domenica 21 aprile 2019, infatti, nessuno dei tre candidati ha ottenuto il 50 per cento più uno dei consensi necessari per vincere al primo turno.

Così, il prossimo 5 maggio ci sarà una nuova tornata elettorale. Circa un milione e 800mila cittadini macedoni dovranno scegliere tra i due migliori del primo turno: il candidato governativo Stevo Pendarovski e la sua rivale dell’opposizione conservatrice Gordana Siljanovska-Davkova.

I due hanno ricevuto una quantità di voti pressoché identica: Pendarosvki ha raccolto il 42,72 per cento delle preferenze, mentre Siljanovska-Davkova il 42,58 per cento.

Molto staccato il loro avversario, l’esponente della minoranza albanese Blerim Reka, fermo al 10,35 per cento dei voti.

Pendarovski è appoggiato dalla coalizione governativa fra i socialdemocratici e il partito albanese Dui. Una sua vittoria rappresenterebbe la prima elezione di un presidente grazie all’appoggio in contemporanea di un partito macedone e di uno della minoranza albanese.

Siljanovska-Davkova, invece, è appoggiata dal partito conservatore Vmro-Dpmne. In campagna elettorale, ha preso una posizione netta contro l’accordo sul cambio del nome del paese.

Elezioni Macedonia del Nord | L’affluenza

Nonostante si trattasse di una tornata elettorale storica, visto che si è trattato delle prime elezioni dopo l‘entrata in vigore dell’accordo con la Grecia sul cambio del nome del paese, l’affluenza è stata molto bassa.

Secondo i dati ufficiali, infatti, solo il 41,92 per cento degli aventi diritto si sono recati alle urne. Alle ultime elezioni presidenziali, quelle del 2014, l’affluenza si era attestata al 48,86 per cento.

Le operazioni di voto – monitorate da osservatori dell’Osce e di organizzazioni locali – si sono svolte in modo sostanzialmente regolare e non si sono registrati incidenti.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Ti potrebbe interessare
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”