Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Elezioni in Kosovo, voto cruciale per riaprire il dialogo con la Serbia

Immagine di copertina
Bandiere in Kosovo Credit: AFP

Appuntamento elettorale molto atteso anche da Usa e Ue, che sperano in una ripresa del dialogo

Elezioni in Kosovo, voto cruciale per riaprire il dialogo con la Serbia

Domenica 6 ottobre si vota per le elezioni politiche anticipate in Kosovo.

I cittadini del Kosovo torneranno alle urne per nuove elezioni anticipate dopo quelle del 2014 e del 2017. “Votiamo per il nostro futuro” è lo slogan istituzionale scelto per il voto del 6 ottobre, un appuntamento molto atteso anche dalla comunità internazionale che spera che il nuovo governo abolisca i dazi del 100 per cento imposti sull’importazione di prodotti serbi.

Elezioni Kosovo: i partiti

La Lega democratica del Kosovo (Ldk), partito di centro-destra fondato nel 1989 da Ibrahim Rugova, figura tra i principali favoriti dopo i due anni passati all’opposizione. Secondo un sondaggio dell’Istituto di ricerca Ifimes, con sede in Slovenia, proprio due partiti dell’opposizione, Ldk e Movimento Vetevendosje, si contenderebbero il primo posto nel voto di domenica.

Questi stessi partiti hanno visto sfumare nelle scorse settimane, per visioni divergenti su chi dovesse scegliere il nuovo premier, un’alleanza pre-elettorale rimandata a dopo il voto.

La sfida per il terzo posto sarebbe invece tra due partiti della coalizione di governo uscente, Alleanza per il futuro del Kosovo (Aak) e Partito democratico del Kosovo (Pdk).

A seguire Iniziativa civica per il Kosovo (Nisma) e Alleanza per il nuovo Kosovo (Akr), partner di minoranza nel governo uscente, alleatisi in una coalizione pre-elettorale che pur non ambendo alla vittoria potrebbe offrire un contributo decisivo per la creazione di una maggioranza.

Il timing degli Stati Uniti

Donald Trump sceglie un momento perfetto per nominare un inviato speciale per i negoziati tra Serbia e Kosovo.

La Casa Bianca ha reso noto che il presidente americano ha scelto l’ambasciatore Richard Grenell come inviato dell’Amministrazione Usa per i colloqui di pace tra Serbia e Kosovo. Richard Grenell è dall’aprile dello scorso anno ambasciatore in Germania e, sottolineano i media americani, manterrà l’incarico.

Una mossa che palesa come la Casa Bianca sia molto attenta alla questione Kosovo, anche se ufficialmente non parteggia per nessun candidato. Il tutto mentre l’Europa, che vorrebbe negoziare il suo allargamento verso Est, gradirebbe una riapertura del dialogo di Pristina con la Serbia.

> Il mio viaggio in uno dei confini più instabili d’Europa (il reportage di TPI)

Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”