Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:32
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Israele, Netanyahu vince le elezioni: come sarà il prossimo Governo

Immagine di copertina
Credit: Thomas COEX / AFP

Il premier uscente e leader del Likud Benjamon Netanyahu ha ufficialmente vinto le elezioni tenutesi il 9 aprile in Israele.

Finito lo scrutinio delle urne, il principale sfidante dell’opposizione, il generale Benny Gantz, si è congratulato con Netanyahu: “Con la fine del conteggio dei voti e l’annuncio dei risultati finali, mi congratulo con lei per l’esito delle elezioni, continueremo a servire i cittadini di Israele e auguro a lei, alla sua famiglia e a tutta Israele una buona vacanza”.

Inizialmente anche Gantz si era proclamato vincitore, avendo in effetti ottenuto lo stesso numero di seggi alla Knesset del suo avversario. A differenza di Netanyahu però non ha potuto contare sul sostegno di altri partiti nel Parlamento, fondamentali per la creazione del Governo.

Secondo i risultati ufficiali, il Likud ha ottenuto 36 seggi attestandosi come primo partito, seguito da Blu e bianco di Gantz con 35 seggi. Otto posti invece sono andati al partito ultraortodosso Shas, e sette all’ala ultraortodossa UTJ (7 seggi).

Il partito laburista e la lista araba Hadash-Taal hanno preso rispettivamente 6 posti in Parlamento, mentre Yisrael Beitenu dell’ex ministro della Difesa Avigdor Lieberman può contare su 5 seggi. Stesso risultato per l’Unione dei partiti di destra.

Kulanu del ministro delle Finanze Moshe Kalon, l’alleanza arabo israeliana Raam-Balad e il partito della sinistra israeliana Meretz hanno ottenuto 4 seggi a testa, superando così la soglia di sbarramento.

Fuori dal Parlamento invece Nuova destra del ministro dell’Educazione Naftali Bennett e la ministra della Giustizia Ayelet Shaked e il partito libertario di destra Zehut.

Netanyahu quindi dovrebbe governare grazie al sostegno di Shas, UTJ, Yisrael Beitenu, Unione dei partiti di destra, Nuova destra e Kulanu, raggiungendo quindi 65 seggi.  L’opposizione invece dovrebbe avere 55 posti nella Knesset.

Lunedì 15 aprile il presidente israeliano Reuven Rivlin avvierà le consultazioni con i partiti eletti alla Knesset in coordinamento con il presidente del Comitato elettorale centrale, il giudice dell’Alta corte di giustizia Hanan Melcer. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Ti potrebbe interessare
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce
Esteri / Incendio in un grattacielo a Taiwan, almeno 46 morti
Esteri / Libano, violenti scontri a Beirut: almeno 5 morti e 30 feriti
Esteri / Il direttore dell'Oms: "Non esclusa l'ipotesi della fuoriuscita dal laboratorio"