Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Elezioni Austria 2017: il ritorno della destra populista?

Immagine di copertina
Credit: JOE KLAMAR

Riuscirà, oggi, l’Austria a scampare il pericolo di quella che molti definirebbero come un’orbánizzazione, dal nome del premier ungherese xenofobo Orbàn, del paese?

Mai prima d’ora un’elezione era stata più agguerrita.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La parola d’ordine della lunga campagna elettorale è stata “dirty-campaigning”.

Tra scandali che hanno portato all’arresto del consulente elettorale della SPÖ, Tal Silberstein, e i battibecchi dai toni tutt’altro che pacati in diretta nazionale tra il cancelliere uscente Kern e il nuovo giovanissimo leader conservatore Kurz, l’elezione del nuovo cancelliere austriaco si prospetta una lotta all’ultimo voto.

I primi risultati sono attesi per le cinque di questo pomeriggio.

A contendersi il ruolo di capo del governo vi sono, accanto all’enfant prodige Sebastian Kurz, il trentunenne che è riuscito a “svecchiare” e riportare così alla ribalta il partito popolare ÖVP, il socialdemocratico Christian Kern, cancelliere uscente, e Heinz Christian Strache, guida da dodici anni del partito d’opposizione di estrema destra FPÖ.

Tutti sondaggi danno per vincente (con risultati che toccano il 34 per cento) il conservatore Kurz.

La vera sfida riguarderà, quindi, il secondo posto e la possibilità di entrare a far parte del governo.

Riuscirà, oggi, l’Austria a scampare il pericolo di quella che molti definirebbero come un’orbánizzazione, dal nome del premier ungherese xenofobo Orbàn, del paese?

Diventato famoso per le critiche alla politica dell’accoglienza della cancelliera tedesca Merkel, per la chiusura della rotta dei Balcani e il divieto a indossare il velo in luoghi pubblici, Basti Wunderkind Kurz non ha paura a cavalcare temi tipici della destra populista. Non solo quello dell’migrazione. Molti sono i punti che accomunano la nuova ÖVP e il partito di estrema destra FPÖ.

Un’alleanza con la ÖVP-FPÖ potrebbe diventare realtà. Per saperlo dovremo attendere stasera.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Mosca: “Se Svezia e Finlandia nella Nato errore di vasta portata”
Esteri / Nato, al via esercitazioni con Finlandia e Svezia
Esteri / Usa, due sparatorie in poche ore: in California aggressione armata in chiesa e in un mercatino a Houston
Ti potrebbe interessare
Esteri / Mosca: “Se Svezia e Finlandia nella Nato errore di vasta portata”
Esteri / Nato, al via esercitazioni con Finlandia e Svezia
Esteri / Usa, due sparatorie in poche ore: in California aggressione armata in chiesa e in un mercatino a Houston
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Zelensky: “Negoziati su Azovstal, anche per uscita militari”. Stoltenberg: “Kiev può vincere questa guerra”
Esteri / Guerra in Ucraina, Di Maio: “Bisogna tenere aperto un canale con Mosca”
Esteri / Strage di Buffalo, anche Luca Traini tra i modelli citati dal 18enne suprematista bianco
Esteri / Britney Spears annuncia di aver perso il bambino che aspettava con Sam Ashgari
Esteri / Ucraina: i corpi di soldati russi caricati sui treni frigo | VIDEO
Esteri / Croazia, abortire è quasi impossibile: migliaia in piazza per protestare contro i medici obiettori
Esteri / “Non avvicinatevi al tavolo…”: la “vendetta” dei Maneskin verso la Francia